utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CRONACA
articolo

Denunce per discariche abusive e rifiuti abbandonati anche ad Osimo

3' di lettura
256

Sequestro di una discarica abusiva e rifiuti abbandonati nel Comune di Fabriano. Cinque denunce a Sassoferrato e Osimo.

I Carabinieri Forestali della Provincia di Ancona hanno intensificato i controlli inerenti al contrasto degli illeciti in materia di rifiuti, denunciando otto persone all’A.G. di Ancona e sequestrando diverse tonnellate di rifiuti di varia natura, tra cui rifiuti pericolosi.

Nel Comune di Fabriano i militari hanno messo sotto sequestro un’area dove erano stati smaltiti illecitamente, all’interno di n. 2 capannoni di superficie di circa 750 mq e lungo la strada di accesso agli stessi, ingenti quantitativi di rifiuti pericolosi e non pericolosi per la maggior parte costituiti da materiali da demolizione, eternith, scarti di mobilio, contenitori plastici e autovetture fuori uso.

Le indagini svolte hanno consentito dapprima di individuare i due proprietari dell’area sequestrata e successivamente le modalità di smaltimento illecito dei rifiuti, reiterate nel tempo e tali da configurare, secondo i militari, il reato di discarica abusiva.

Il Dipartimento ARPAM di Ancona ha fornito supporto ai Carabinieri Forestali di Fabriano per la classificazione dei rifiuti presenti, il campionamento e la conseguente valutazione del potenziale inquinamento dell’area, sita a ridosso del fiume Giano e vincolata paesaggisticamente, i cui accertamenti sono ancora in corso.

Denunciati i due proprietari del sito ritenuti presunti responsabili della creazione della discarica. Sempre a Fabriano sequestrata un’area dove erano stati smaltiti illecitamente ingenti quantitativi di rifiuti speciali provenienti da attività di demolizione e olio esausto. Il sequestro penale è stato eseguito congiuntamente al personale dell’ARPAM di Ancona, i cui tecnici classificavano i rifiuti da demolizione stimati in 150 metri cubi, tra i quali cemento, tegole, cartongesso, calcinacci, marmo, accumulati presumibilmente in più occasioni e provenienti da diversi cantieri edili. Sequatrati anche dei recipienti contenenti olio esausto, in parte sversato sul terreno e fonte di probabile contaminazione dell’area le cui matrici sono state campionate dai tecnici dell’ARPAM. A seguito dell’accertamentoè strato denunciato alla Procura della Repubblica di Ancona un cittadino fabrianese ritenuto presunto responsabile dell’impresa edile che aveva in gestione l’area oggetto della gestione illecita.

Nel Comune di Sassoferrato cinque sono stati i casi di abbandono o abbruciamento rifiuti rilevati dai Forestali nel loro lavoro di pattugliamento delle campagne. Macerie abbandonate da imprese edili ai bordi delle strade isolate, vecchi infissi di pvc dati alle fiamme, rifiuti di ogni genere gettati lungo le scarpate fluviali, cassette di polistirolo lasciate nei torrenti di montagna: vicende che, dopo accurate indagini, hanno portato ad 8 denunce all’Autorità Giudiziaria per i reati di abbandono e abbruciamento rifiuti nei confronti di quattro diversi soggetti oltre a due sanzioni amministrative da 350 a 3500 euro ad altri due cittadini. Inoltre sono state avviate, in collaborazione con il Comune di Sassoferrato, le procedure che obbligano i responsabili alla bonifica dei luoghi a proprie spese.

E' scattata una denuncia anche nel Comune di Osimo dove i Carabinieri Forestali di Ancona hanno deferito un cittadino dorico per aver effettuato un deposito incontrollato di 600 mq di rifiuti non pericolosi di varia natura nelle pertinenze di un edificio adibito a civile abitazione. Tutti i soggetti denucniati rischiano le pene previste dal codice dell’ambiente per i reati di gestione illecita di rifiuti e discarica abusiva, che prevedono arresto fino a due anni e ammende fino a 26.000 euro. Le condotte illecite nel settore dei rifiuti sono purtroppo sempre più comuni, poste in essere da imprese per evitare le spese di regolare smaltimento, deturpano in modo progressivo l’ambiente in cui viviamo influendo negativamente sulla salute umana e sugli ecosistemi naturali. I Carabinieri Forestali del gruppo di Ancona hanno intensificato i controlli nel settore ritenuto prioritario per la tutela ambientale.



Questo è un articolo pubblicato il 09-05-2024 alle 17:31 sul giornale del 10 maggio 2024 - 256 letture






qrcode