utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

“InCanto sulle vie di Francesco”: camminata ad Ancona sulle orme del santo di Assisi

2' di lettura
54

Una splendida giornata di sole ha accompagnato “InCanto sulle vie di Francesco“, iniziativa giunta alla sua undicesima edizione che quest’anno, dopo aver toccato tante località soprattutto umbre, è arrivata ad Ancona, città profondamente intrisa dello spirito francescano.

La manifestazione prevede un percorso a tappe che tocchi i luoghi più significativi in relazione al santo di Assisi. Così è stato anche nel capoluogo dorico dove, ad ogni sosta, dopo un approfondimento relativo alla storia, alla cultura e alla spiritualità di San Francesco, si sono esibite corali con un repertorio che va dalla musica sacra al gospel: quindi un incedere tra cammino e lode nel canto, nel più caratteristico stile di San Francesco.

Ad Ancona, il percorso lungo più di 4 chilometri, è partito alle 15 dal porto, dove San Francesco si è imbarcato per la Terra Santa. Da lì centinaia di persone, tra cui Mons. Angelo Spina, si sono avviate verso la città in un percorso che le ha portate a Santa Maria della Piazza, in Cattedrale, a San Francesco alle Scale. Infine la lunga camminata si è conclusa presso l’ex convento di San Francesco ad Alto (ora parte della caserma Falcinelli dell’Esercito) dove c’è stata una grande esibizione a cori uniti e due momenti d’eccezione.

Il primo è stato quello relativo alla donazione, da parte dell’Associazione Opere Caritative Francescane (promotrice dell’intera manifestazione) delle copie dei tre quadri (due del Crivelli e uno del Tiziano) che un tempo decoravano il convento: due dipinti del Crivelli, il “beato Gabriele Ferretti in estasi” e la “Madonna col Bambino”, e la mirabile Pala Gozzi del Tiziano. Da ultimo è arrivata la visione del corto documentarioLa luce della Pace“, sempre prodotto dalle Opere Caritative, con cui si è ripercorso il cammino della lampada della pace, appositamente realizzata dagli ospiti della casa alloggio “Il Focolare” (che accoglie persone che convivono con l’AIDS): la lampada, infatti, una volta realizzata, è stata portata ad Assisi per la sua accensione presso la tomba di San Francesco, è passata a Greccio dove Francesco ha creato il primo presepe e a Roma dove Papa Francesco l’ha benedetta, ed è stata presentata ad Ancona in occasione del Natale 2023. Infine è giunta a Betlemme, in segno di speranza e di pace, in un periodo tanto difficile per l’intero mondo e per la Terra Santa in particolare.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2024 alle 15:09 sul giornale del 08 maggio 2024 - 54 letture






qrcode