utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Glorio: “giovani e lavoro, il futuro verrà ad abitare qui”

2' di lettura
304

Per la candidata sindaco Michela Glorio ad Osimo è ora di aprire un dialogo con Confidi Unico per l’accesso e il sostegno al credito.

Pensare ai centri di aggregazione giovanile come occasioni e luoghi di libera aggregazione, attività di sostegno scolastico e attività laboratoriale. Dal generale al particolare, la candidata sindaco Michela Glorio ha illustrato nel dettaglio i contenuti della sua proposta in merito ai giovani nel corso di una conferenza stampa a cui ha partecipato il presidente di Confidi Unico Marche Maurizio Paradisi.

“C’è la possibilità di istituire un Centro di Aggregazione nello spazio riqualificato del Foro Boario per la prossimità con l’Istituto Comprensivo Caio Giulio Cesare e gli impianti sportivi limitrofi. Penso anche alla nuova biblioteca, da realizzare all’interno di Palazzo Campana una volta terminati i lavori di consolidamento sismico oppure in uno dei palazzi nobiliari del centro storico dopo l’acquisto da parte del Comune”.

Restando in centro storico le altre idee sono: l’auditorium ex Cinema Concerto e il ridotto del teatro negli ex Magazzini Campanelli e il Mercato Coperto, dove al mattino si prevede di mantenere le attività commerciali ma promuovere attività pomeridiane e serali di intrattenimento anche con l’insediamento di nuovi locali.

Nel corso della conferenza stampa ampio spazio ai temi dell’accesso e del sostegno al credito per start up e attività commerciali.

“E’ nel mio programma di mandato – specifica la Glorio - la riconversione dell’edificio dell’ex Corridoni nel Polo dell’Innovazione con al fianco l’istituzione di un ITS per la formazione tecnica post diploma organizzata in Fondazioni Pubblico Private per la meccatronica, fiore all’occhiello del nostro territorio”.

E poi sul lavoro. “Apriamo un dialogo con Confidi Unico per facilitare l’accesso al credito per gli operatori commerciali. Il comune di Osimo si impegna a versare una quota annua a confidi in modo da sostenere le attività economiche e le start up attraverso il meccanismo delle garanzie bancarie, innescando un effetto moltiplicatore a beneficio di chi ne fa richiesta”.

Sfida raccolta dal presidente Maurizio Paradisi: “E’ virtuoso che un comune si impegni concretamente ad avviare un percorso di collaborazione con il sistema del confidi perché dimostra la volontà di lavorare sul territorio e per il territorio. Per i giovani, per le start up è fondamentale poter accedere ai finanziamenti con il micro credito e trovare le condizioni favorevoli per iniziare a lavorare”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-04-2024 alle 18:55 sul giornale del 01 maggio 2024 - 304 letture






qrcode