utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

“La Morte del Giusto”: per la prima volta Croce portata da una donna

3' di lettura
170

In attesa del pronunciamento dell’Unesco sulla candidatura a Patrimonio culturale immateriale, la storica rappresentazione del Venerdì Santo di Villa Musone viene quest’anno dedicata alle vittime di femminicidio. Sarà una ragazza a terminare il tragitto della Via Crucis.

Il prossimo 29 marzo non sarà il vescovo di Loreto, come da tradizione, a portare la Croce nell’ultimo tratto del percorso della Via Crucis del Venerdì Santo. Lo farà invece, per la prima volta in assoluto, una donna. È così che ‘La Morte del Giusto’, storica rappresentazione della Passione di Cristo, quest’anno viene dedicata a tutte le donne vittime di femminicidio e soprusi. E di nuovo la sacra rappresentazione di Villa Musone dimostra il suo perfetto equilibrio tra narrazione evangelica e attualità: da un lato ricostruzione storica fedele, dall’altro elementi di modernità per calare il messaggio devozionale nel presente attraverso gli espedienti dello speaker, narratore esterno delle scene, e del coro che, come nelle antiche tragedie greche, puntualizza i passaggi più salienti, e i cruciferi, simbolo delle tante sofferenze del mondo. Fattori che la rendono un unicum nello sconfinato panorama dei riti della Settimana Santa. Non per altro, La Morte del Giusto è rientrata nel gruppo delle 32 sacre rappresentazioni italiane che ambiscono al riconoscimento di Patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. Nelle Marche, sono solo 5: oltre a Loreto, Tolentino, Cantiano, Sassoferrato e Apecchio.

Intanto, in attesa del pronunciamento che dovrebbe arrivare a fine anno, venerdì prossimo (29 marzo, ndr) va in scena l’edizione numero 47, con l’intera frazione lauretana che per mesi ha lavorato al suo allestimento tra attori, costumisti, attrezzisti, volontari per la sicurezza. Ideata nel 1978 dal viceparroco dell’epoca, Padre Valentino Lanfranchi, che la mise in scena nei locali parrocchiali con alcuni ragazzi del suo gruppo, la Passione Vivente di Villa Musone viene realizzata già da molti anni grazie all’impegno del Centro Turistico Giovanile Val Musone e fa parte del circuito Europassione per l’Italia. Oggi è universalmente riconosciuta come una delle più suggestive delle Marche per complessità delle ambientazioni, realismo dei costumi e i suoi quasi 400 figuranti in movimento, che dall’area retrostante la tensostruttura salgono fino al Golgota allestito nella collina ai piedi della Santa Casa: processo al Sinedrio, presentazione a Pilato, condanna di Gesù, Calvario e Crocifissione, per concludersi poi con la riflessione moderna su quelli che sono i ‘calvari’ dell’Umanità odierna. Circa tre ore di grandissimo impatto scenico e sincera devozione, cui partecipano spettatori e fedeli da ogni parte d’Italia.

‘Quest’anno il tema dominante è quello del femminicidio – spiega Gino Principi, Presidente del CTG Val Musone – unitamente ad una riflessione dedicata ai bimbi vittime di tutte le guerre, senza distinzioni. Infatti, accanto alla ragazza che si caricherà sulle spalle la Croce nel tratto finale, ci sarà anche un bambino. Saranno espresse importanti considerazioni di natura teologica su questi temi, citando i Vangeli e S. Tommaso D’Aquino’. Ancora una volta il rito è pronto a ripetersi.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2024 alle 14:42 sul giornale del 26 marzo 2024 - 170 letture






qrcode