utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CRONACA

Serrati controlli d'interforze sul territorio: dal centro città alle periferie

2' di lettura
108

Si ès volto nei giorni scorsi, su tutto il territorio del Comune di Osimo, sia nelle zia centrali sia nelle periferie un servizio a tutela dell’ordine e sicurezza pubblica, disposto dal Questore della Provincia di Ancona Dottor Cesare Capocasa, d’intesa con il Prefetto Dottor Ordine, con la finalità di arginare e contrastare ogni forma di criminalità, in particolare lo spaccio di droga, i reati predatori ed i comportamenti violenti ed incivili che destano inevitabilmente allarme sociale.

Nel dettaglio, due pattuglie della Polizia di Osimo, due pattuglie della locale Compagnia dei Carabinieri, una della Guardia di Finanza ed una della Polizia Locale, coordinate dal funzionario del Commissariato, hanno vigilato e monitorato costantemente il centro cittadino,controllando gli avventori di alcuni esercizi commerciali ed attuato mirati posti di controllo al casello della A.14, lungo la SS16 e lungo le arterie stradali a maggior scorrimento di traffico.

Proprio nel corso di un posto di controllo che gli operatori del servizio hanno intercettato e sottoposto ad un minuzioso controllo un’auto che ha destato subito sospetti per il maldestro tentativo di evitare quel controllo.

Il conducente del mezzo è stato sanzionato per una violazione al codice della strada, mentre il passeggero, un cittadino marocchino senza titolo di soggiorno, è stato accompagnato presso gli Uffici del Commissariato di Polizia per approfondire la sua posizione sul territorio nazionale che è risultata, al momento, regolare. L’identità del trentenne marocchino, senza fissa dimora, destinatario di un provvedimento di diniego di riconoscimento della protezione internazionale, contro il quale potrà presentare ricorso, è stato confermata dal fotosegnalamento cui è stato sottoposto, al termine del quale, è stato congedato.

Sono invece in corso accertamenti a cura del personale del Commissariato di Osimo sulla merce di pregio che l’uomo aveva inspiegabilmente con sé e che è stata sottoposta a sequestro penale, non essendone stata documentata la sua lecita provenienza.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Osimo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereOsimo oppure aggiungere il numero 320.7096249 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereosimo o cliccare su t.me/vivereosimo.


Questo è un articolo pubblicato il 24-03-2024 alle 17:42 sul giornale del 25 marzo 2024 - 108 letture






qrcode