utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Laeng-Meucci - Addis Abeba andata e ritorno: al via il Progetto Erasmus che indaga la relazione tra migrazione e cambiamento climatico

3' di lettura
52

Dal 12 al 15 marzo il Dirigente Scolastico dell’IIS Laeng Meucci, Angelo Frisoli, e le Prof.sse Silvia Torresi e Arianna Smorlesi hanno partecipato al primo Meeting Transnazionale del Progetto Erasmus IMPACT sulle conseguenze sociali dei mutamenti climatici, che si è svolto ad Addis Abeba (Etiopia).

La tappa inaugurale di un percorso che vedrà, come seconda destinazione, proprio l’IIS Laeng-Meucci di Osimo e Castelfidardo. A ottobre 2024, infatti, la scuola aprirà le porte ai partner internazionali del Progetto per presentare la propria offerta didattica e formativa. Durante il tour in Etiopia, la nostra delegazione ha incontrato varie istituzioni governative e ministeriali, organizzazioni internazionali e ONG locali che hanno illustrato i progetti in atto per aiutare le popolazioni colpite da eventi atmosferici estremi come siccità e alluvioni. Parole d'ordine: resilienza e coesione sociale, ma anche mentalità imprenditoriale e diversità produttiva, con una particolare attenzione al green.

Un’esperienza formativa estremamente utile che ha permesso alla scuola di stringere legami, conoscere nuove opportunità, condividere buone pratiche e materiali didattici allo scopo di creare una rete virtuosa in grado di coinvolgere anche i giovani.

Di seguito i principali Enti incontrati durante il soggiorno ad Addis Abeba.

- I rappresentanti dell’HESPI (Horn Economic and Social Policy Institute) che hanno introdotto i loro studi e ricerche relative alla tematica in oggetto. - Il collaboratore della ministra delle Donne e Affari Sociali che ha illustrato le politiche adottate dal Ministero per combattere il fenomeno dell’emigrazione con rotta preferenziale verso il sud Arabia.

- La Ethiopian Youth Federation che consorzia i giovani della nazione in modo da collegare domanda e offerta di lavoro; fornisce expertise ma anche formazione per chi vuole iniziare nuove attività che moltiplicheranno i posti di lavoro; organizza corsi di formazione; costruisce mentalità imprenditoriale con un’attenzione al green (hub e parchi eco-friendly). - L’addetto dell’ambasciata olandese che ha parlato del loro impegno nell’aiutare i rifugiati seguendo quattro pilastri: educazione e apprendimento; inclusione economica e sociale; protezione sociale (identificazione e documenti ai rifugiati); costruzione di infrastrutture.

- African Union: un’organizzazione che ingloba tutti gli stati africani che ha in Addis la Commissione e l’Assemblea dell’Unione Africana. Gli esperti hanno parlato dei progetti in atto per aiutare le popolazioni colpite da eventi atmosferici estremi come siccità e alluvioni, promuovendo soprattutto resilienza e adattabilità, prima di arrivare alla migrazione forzata. Importante è promuovere la coesione sociale, in modo che i migranti siano subito integrati e non visti come usurpatori dei beni della comunità, già esigui per i cambiamenti climatici, dato che l’Etiopia, il secondo paese africano per accoglienza di IDP (Internally Displaced People, ovvero migranti interni), è fondamentalmente legata ad agricoltura e pastorizia.

- UNECA e UNDP (United Nation Economic Commission- United Nation Development Program) che si occupano a vario livello di migrazioni, soprattutto quello di ritorno in patria (post-Covid, ad esempio). Il secondo si occupa soprattutto di sviluppare resilienza anche con progetti scolastici, analizzare le cause che spingono all’emigrazione anche illegale (19% di disoccupati solo nelle aree urbane).

- Due ONG (IOM- OWS) che si muovono a livello pratico con progetti atti a sostenere i migranti, incentivare la diversità produttiva, introdurre nuovi sistemi per la gestione dell’acqua e del terreno per prevenire/contrastare le catastrofi climatiche (riforestazione, agricoltura diversificata, sistema idrico efficace). Per appronfondire: https://impact-erasmus.eu/ e www.laeng-meucci.edu.it



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2024 alle 14:32 sul giornale del 21 marzo 2024 - 52 letture






qrcode