utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

In Marcia per la pace con mille studenti

2' di lettura
128

L’iniziativa, promossa dall’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale, è stata ospitata per il terzo anno consecutivo a Loreto. L’appello del Presidente Latini e il monito dell’Arcivescovo Dal Cin affinchè sia messa in atto una buona politica a servizio delle comunità.

“Non possiamo gettare la spugna e arrenderci alla violenza e all’ingiustizia, ma anzi dobbiamo impegnarci maggiormente affinché si ritorni al dialogo, al confronto e al rispetto reciproco”. Lo ribadisce il Presidente del Consiglio regionale, Dino Latini, intervenendo al termine della marcia simbolica “Le Marche per la Pace”, ospitata a Loreto per il terzo anno consecutivo. L’iniziativa, avviata nel 2022 all’inizio del conflitto tra Russia e Ucraina, è stata promossa dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale coinvolgendo enti locali e associazioni. Significativa quest’anno la partecipazione delle scuole, con circa mille studenti provenienti da istituti delle cinque province marchigiane.

“Siamo tenuti a fornire il giusto esempio alle nuove generazioni - ha proseguito Latini - puntando sulla loro maggiore sensibilità, sulla loro capacità di apprendere. Promuoviamo i valori del rispetto, dell’inclusione, della concordia, senza i quali saremmo schiavi dell’odio, della discriminazione, delle diseguaglianze”. La marcia, avviata da Porta Romana sulle note di “Imagine”, ha raggiunto il sagrato della Basilica, dove, dopo il Presidente, sono intervenuti il sindaco di Loreto Moreno Pieroni, la studentessa Sofia Scattoni dell’istituto “Solari” di Loreto in rappresentanza delle scuole marchigiane, Massimo Iavarone per l’Ufficio scolastico regionale e Pierangelo Milesi delegato nazionale Acli. Conclusioni dell’Arcivescovo Fabio Dal Cin che ha parlato di una seria costruzione della pace e ha rivolto un monito ai rappresentanti delle istituzioni, considerati anche, come ha inteso ricordare, i prossimi appuntamenti elettorali. “Per imboccare la strada giusta – queste le sue parole – abbiamo bisogno di una buona politica, che sia in grado non pensare solo al proprio interesse. Ricordiamo sempre che proprio la politica è soprattutto servizio”.

Ed ha chiesto un minuto di silenzio per tutti coloro che sono caduti sotto le bombe e la distruzione portata avanti dalle guerre in atto. Alla manifestazione presenti il consigliere regionale Carlo Ciccioli, numerosi sindaci, assessori, Presidenti delle Province e rappresentanti di enti ed associazioni.



Questo è un articolo pubblicato il 03-03-2024 alle 17:45 sul giornale del 04 marzo 2024 - 128 letture






qrcode