utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Università Politecnica delle Marche: il Sindaco Pugnaloni incontra il professore Marincioni ordinario di Geografia ambientale

2' di lettura
630

Stamattina abbiamo svolto un incontro all’Università Politecnica delle Marche e in particolare con il Laboratorio di Riduzione Rischio Disastri del docente Fausto Marincioni, professore ordinario di Geografia ambientale, che svolge attività di ricerca sulla riduzione dei rischi sulle politiche per affrontare e mitigare il cambiamento climatico.

Assieme abbiamo avviato un confronto sulle modalità migliori per prevenire i disastri e informare la cittadinanza, affinché non sia in balia delle calamità naturali che possono colpirla. Grazie a due dottorandi tesisti messi a disposizione dalla Politecnica che svolgeranno tirocinio di 100 ore in Comune, cercheremo di raggiungere due obiettivi: aggiornare il Piano di protezione civile e creare una comunità attiva, dove non è il vertice che indica al cittadino cosa fare ma è la popolazione che aiuta le istituzioni a prevenire i rischi. Dopo un primo incontro conoscitivo, quello di oggi ha dato il via libera per stipulare quanto prima una convenzione tra i due enti che verrà preliminarmente approvata dalla giunta comunale. Il lavoro verrà poi illustrato il 13 aprile in un incontro pubblico. Con me c’erano Michela Glorio assessore all’ambiente e Flavio Cardinali assessore alla protezione civile. La proposta di partecipare a questo Laboratorio è arrivata dalla Politecnica e in particolare dal professor Marincioni che ha scelto Osimo, dove vive e di cui è cittadino benemerito dal settembre 2023, per questo studio che porti all’aggiornamento del Piano di protezione civile e alla sua comunicazione alla città. Un aggiornamento che va fatto annualmente come chiesto dalla Prefettura e che di solito è predisposto dai tecnici comunali, ora invece lo faremo in collaborazione con la Politecnica. Questo rappresenta un arricchimento perché ci consentirà di informare al meglio i cittadini su come curare il territorio e prevenire le calamità con un percorso condiviso, svolto assieme alle reti sociali della nostra comunità, come le scuole e le associazioni di protezione civile, per fare formazione e sensibilizzare al meglio tutti gli attori coinvolti. Per Osimo, già colpita da calamità idrogeologiche a più riprese, non solo con la grande alluvione del 2006, ma con esondazioni di fiumi e fossi anche più recenti, questa convenzione che approveremo a breve rappresenta una opportunità preziosa.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-02-2024 alle 16:12 sul giornale del 22 febbraio 2024 - 630 letture






qrcode