utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Nella secondaria di primo grado Caio Giulio Cesare di Osimo ed Offagna, con orgoglio si parte con il secondo anno all’EDUGREEN!

4' di lettura
654

Nome del Progetto: “Ambienti e laboratori per l’educazione e la formazione alla transizione ecologica”.“Edugreen: laboratori di sostenibilità per il primo ciclo”.

Il piano d’intervento

Il nostro Istituto, ha colto l’opportunità offerta dalI’Europa, attraverso i Piani Operativi Nazionali, di investire sul miglioramento delle competenze e degli ambienti per l’apprendimento. L’obiettivo specifico del progetto è stato quello di realizzare ambienti e laboratori per l’educazione e la formazione alla transizione ecologica, mediante l’azione Edugreen: laboratori di sostenibilità per il primo ciclo.

E’ stata un’occasione di arricchimento per la scuola, che ha permesso di dare ai nostri studenti, da un lato, un’opportunità di miglioramento dell'apprendimento, dall’altro, strumenti di comprensione e di interazione positiva con la realtà. Sulla base delle necessità oggettive risultanti nei due plessi della secondaria di primo grado dell’Istituto, si è deciso di realizzare il progetto inserendo materiali ed attrezzature volte al migliore fruimento didattico di spazi verdi presenti nei pressi dei due plessi della secondaria, facenti capo all’Istituto, con l’uso di: cariole, compostori, orti rialzati, terriccio, attrezzature manuali per giardinaggio, sementi, panche per la realizzazione di aule didattiche all’aperto, kit di sensibilizzazione alla cultura del sostenibile, kit per l’osservazione del terreno e la vita presente, kit di germinazione, centraline meteorologiche, sistemi di irrigazione e raccolta acque piovane a tal fine destinate, piantumazione di alberi da frutto per una educazione alla Food Forest.

Il progetto ci ha permesso di realizzare non solo orti didattici, ma anche di riqualificare giardini e cortili da anni inutilizzati, favorendone nei nostri studenti dei plessi di Osimo ed Offagna, una comprensione esperienziale e immersiva del mondo naturale e una educazione ambientale significativa che darà veri e concreti frutti ecologici a lungo termine: un piccolo ma sicuramente utile contributo dell’attuale generazione di docenti, in entusiasta collaborazione con gli studenti, per un miglior futuro del nostro pianeta! In particolare, nella realizzazione e cura dell’orto, si stanno utilizzando/sperimentando tre tecniche: no tillage con copertura a fieno e corteccia, tecnica tradizionale con vangatura del terreno e lavori di cura come la sarchiatura e rincalzatura, tutto rigorosamente bio!

Il lancio di questo progetto e di tutto il lavoro successivamente svolto, sia per gli acquisti progettati che nell’allestimento delle aree, è stata la semina di piantine di Crocus gialli nell’area didattica ortiva della Sede Centrale! Anche questo un progetto molto importante, ma di carattere internazionale, finalizzato a coltivare nelle giovani generazioni la memoria dell’olocausto attraverso la piantumazione di bubi di fiori gialli Crocus, che fioriscono intorno alla data del Giorno della Memoria (27 gennaio). Il fiore giallo rievoca il giallo della Stella di Davide che gli ebrei furono costretti a cucire sui propri abiti durante il dominio nazista. L’aver partecipato, con gli studenti della secondaria di Osimo, al Progetto Crocus è stato un modo tangibile per introdurre i giovani all’argomento dell’Olocausto e per sensibilizzarli sui rischi del razzismo e dell’intolleranza. I fiori, seminati realizzando una composizione a stella a sei punte, spuntando ogni anno a fine gennaio, rievocheranno nella memoria degli alunni e di tutti i visitatori che si recheranno nella nostra scuola, uno dei periodi più neri della storia umana, per non dimenticare e allontanare ogni rischio di razzismo ed intolleranza! La valenza dei due progetti, non ha potuto prescindere dal supporto delle istituzioni locali, per questo si è chiesto ed ottenuto l’intervento sinergico dei Comuni di Osimo ed Offagna per poter utilizzare appieno alcune aree verdi: le aree verdi presenti negli spazi all’aperto del plesso di Piazzale Bellini ad Osimo e un’area boschiva comunale ad Offagna.

In questo secondo anno di attuazione, mancano ancora diverse cose da installare e mettere in funzione, come le centraline meteorologiche, il collegamento dell’orcio di raccolta acqua piovana alla grondaia di scolo del tetto della scuola, ma la voglia e la tenacia dei nostri docenti e degli studenti non mancano e sicuramente in questo anno scolastico, il completamento di queste ultime cose, verrà effettuato dando diverse soddisfazioni, come lo stano dando l’area ortiva coltivata e l’aula verde utilizzata sempre più frequentemente nelle ore curricolari durante le belle giornate e non solo: essendo un’area accessibile da chiunque anche il pomeriggio, molti ragazzi e ragazze che nel pomeriggio frequentano il campetto da basket, utilizzando le attrezzature dell’aula verde per svago, riposo, lettura di un buon libro, chiacchiera con gli amici; anche questo un grande servizio della scuola alla comunità locale!



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-11-2023 alle 17:49 sul giornale del 13 novembre 2023 - 654 letture






qrcode