utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Amministrazione comunale e Consulta Donne Pari Opportunità: 23 e 25 novembre 2023, per la Giornata internazionale contro la violenza sulle Donne due importanti eventi

2' di lettura
154

In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle Donne l'Amministrazione comunale in collaborazione con la Consulta Donne Pari Opportunità ospiterà due importanti eventi.

Sabato 25 novembre alle ore 18.00 il teatro La Nuova Fenice ospiterà Piera Aiello, prima testimone di giustizia ad essere entrata in Parlamento. Dopo l’uccisione del marito nel 1991 per mano mafiosa, decise di denunciare quella subcultura criminale e iniziò a collaborare con le forze dell'ordine e la magistratura, tra cui il giudice Paolo Borsellino, il quale accompagnò Piera nel percorso di testimone di giustizia, condiviso anche dalla giovane cognata, Rita Atria, che però non riuscì mai ad accettare la morte del magistrato, e decise di togliersi la vita a soli 17 anni. Grazie alla grande amicizia che lega il Sindaco Pugnaloni e la città di Osimo con l’avv. Roberto Catani, presidente dell’Associazione Libertà Organizzata, si avrà l’opportunità di ascoltare la testimonianza di una donna che vive ancora oggi sotto scorta per avere avuto il coraggio, a 18 anni, di denunciare l’appartenenza alla mafia della famiglia di suo marito, Nicola Atria, figlio del boss mafioso Vito.

La ricorrenza del 25 novembre sarà preceduta da un’altra iniziativa molto significativa. Giovedì 23 novembre, infatti, presso il teatro alle 21.15 verrà presentato “Veniamo da lontano, cantando. Affabulazione sonora per “Donna, vita, libertà”, spettacolo scritto e interpretato da Serena Cavalletti, con musiche di Do Bandolim, Bizet, Massenet, Puccini, Pasolini arrangiate e interpretate da Marco Monina con la partecipazione straordinaria di Anahita Dowlatabadi. Verranno narrate vicende comunissime allora come ora purtroppo: spose bambine (Madama Butterfly), spose obbligate (Lucia di Lammermoore), ragazze soggette a uomini di potere che approfittano della loro posizione per operare un ricatto (Tosca), femminicidi (Carmen), stupri (Gilda). Un’affabulazione per guardarci indietro e intorno, per riflettere su un grande cammino di liberazione non ancora giunto al termine, per capire per quale motivo quella delle donne viene da più fonti considerata l’ultima rivoluzione possibile.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Osimo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereOsimo oppure aggiungere il numero 320.7096249 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereosimo o cliccare su t.me/vivereosimo.




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2023 alle 11:40 sul giornale del 12 novembre 2023 - 154 letture






qrcode