utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > SPORT
comunicato stampa

Ouizza Walid VS Charlemagne Metonyekpon

2' di lettura
48

Charlemagne Metonyekpon non è riuscito a conquistare il titolo dei superleggeri Silver della Unione Europea sul ring della Arene di Charleville- Mèziéres nonostante una prestazione eccezionale che lo dava vincente.

A fermare l’osimano Charly del Time Magnesi non è stato il francese Ouizza Walid ma i giudici di bordo ring che alla fine dei dodici round hanno pronunciato un verdetto alquanto discutibile, non unanime e sconcertante, che non ha rispecchiato il reale combattimento sul ring.

Già dalle prime riprese favorevoli allo sfidante italiano si è capito che Ouizza si trovava in serie difficoltà ad affrontare l’inaspettata irruenza di Metonyekpon che guidato all’angolo dai maestri Andrea Gabbanelli e Daniele Marra della Boxing Club Castelfidardo, con un costante lavoro ai fianchi lo stava stremando.

Il campione in carica ha cercato in tutti i modi di sbarrare i continui assalti di Metonyekpon cercando di tenere la distanza con colpi lunghi, ma la determinazione di Charly è stata incontenibile tanto è che alla settimana ripresa il francese, messo alle corde con una serie di ganci e diretti, veniva salvato dal gong.

L’andamento del match palesemente favorevole all’italiano ha reso apprensione e nervosismo nell’angolo di Ouizza i cui assistenti all’angolo hanno perfino inscenato un tentativo di spintonare l’avversario durante la pausa di una ripresa provocando il dissenso del pubblico, per lo più francese, con rumoroso dissenso e fischi. Il punteggio finale 115 a 114, 114 a 114, 116 a 112 sancisce la vittoria a sorpresa di Ouizza; è la storia vista e rivista del verdetto che favorisce ingiustamente il beniamino locale. Da registrare il fair play di Charlemagne Metonyekpon che a fine match ha abbracciato l’avversario e poi dichiarato: “Il mio avversario non era preparato per la mia boxe.

Ha sentito la durezza dei miei colpi per tutto il match; sono orgoglioso di quello che ho fatto; combattere all’estero sappiamo tutti cosa vuol dire … io ce l’ho messa tutta e sicuramente la prossima volta andrà meglio.” Il francese ha replicato “Ho dovuto combattere molto perché l'italiano voleva il mio titolo. Abbiamo lottato dal primo all'ultimo round e sono stato costretto a dare il massimo.

Charlemagne si è rivelato molto pericoloso in ogni ripresa e mi ha davvero impegnato quindi voglio ringraziare lui e il suo team. Viva l'Italia.” Il Team Magnesi di Alessandra Branco cui fa parte Metonyekpon, attraverso i social ha preannunciato che l’epilogo non finirà qui e che tra qualche mese sarà valutata la possibilità di chiedere una rivincita, ma questa volta in terra italiana.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-11-2023 alle 17:00 sul giornale del 06 novembre 2023 - 48 letture






qrcode