utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Povertà e diseguaglianze ieri e oggi

2' di lettura
120

Il 26 0ttobre il Club Lions di Osimo, sempre sensibile ai bisogni e alle fragilità sociali della comunità, ha organizzato nella Sala del Cantinone, un incontro-dibattito per parlare del fenomeno “Povertà e Disuguaglianze ieri e oggi ”.

Nazzareno Donzelli, presidente del Club, dopo aver sottolineato che il fenomeno “povertà” presenta oggi un’accelerazione preoccupante anche a causa della crisi energetica, dell’inflazione crescente, degli effetti causati dalla pandemia e dalla guerra, ha presentato al pubblico intervenuto, il Prof, Marco Moroni, Docente di Storia Economica all’UNIVPM e presidente Centro Studi ACLI Marche. “Che cos’è la povertà?- così ha iniziato il relatore- è difficile rispondere a questo quesito, perché questa condizione cambia nel tempo e nello spazio” Moroni ha proseguito evidenziando che la povertà è legata a mutamenti naturali, economici, sociali, culturali ed anche alla sensibilità della società che ci si confronta per cui, per definire il concetto di povertà, è necessario analizzare le cause e la forma in cui si manifesta e come sia possibile debellarla .E’ bene conoscere gli eventi del passato per confrontarli con quelli della reale povertà di oggi e per poi convincere le autorità ad affrontarla e a porvi rimedio. Dopo aver analizzato la condizione dei poveri e la loro immagine dal Medioevo ai nostri giorni, il relatore ha detto che c’è stato un periodo che va dal 1945 al 1970, detto dei “Trenta Gloriosi”, in cui la crescita qualitativa e quantitativa del P.I.L, faceva ben sperare per la riduzione della povertà, ma questa pia illusione è presto svanita, in un mondo che vede crescere oggi, i privilegi per i ricchi e le difficoltà per i poveri. Moroni ha poi approfondito la tematica delle diseguaglianze che evidenziano un divario tra le classi sociali, nei confronti agli anni del boom economico del nostro paese. La soluzione suggerita da Moroni non è incolpare i poveri della loro miserabile condizione ma unire le forze perché l’ONU abolisca i veti, retaggio degli Stati vincitori, e riacquisti più autorità fautrice di pace e l’Europa lavori collegialmente per risolvere il problema povertà, immigrazione e fame. “L’Italietta- così ha terminato il professore- da sola non ce la può fare” Hanno chiuso l’interessante e partecipata conferenza, gli interventi mirati di Paola Andreoni, Assessore ai servizi sociali del Comune di Osimo e di Donatella Crocianelli, Responsabile della Caritas cittadina.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2023 alle 18:56 sul giornale del 30 ottobre 2023 - 120 letture






qrcode