utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Latini, proposta di legge alle Camere: nuovo reato per l'occupazione abusiva di immobili destinati ad abitazione

2' di lettura
152

La proposta di legge sarà presentata alle Camere e prevede una pena per chi occupa arbitrariamente le case. ogni persona che occupi abusivamente immobili di proprietà pubblica o privata adibiti ad abitazione venga punito con la pena della reclu.sione da due a sei anni e con una multa che vada da 2mila a 10mila euro.

Il Presidente dell’Assembla legislativa delle Marche Dino Latini ha presentato una proposta di legge alle Camere sul tema dell’occupazione abusiva di immobili destinati all’abitazione. La pdl nasce dalla consapevolezza che i dati relativi all’occupazione abusiva in Italia hanno conosciuto un notevole incremento creando un forte disagio tra i legittimi proprietari. L’occupazione arbitraria di immobili – spiega Latini - rappresenta una grave violazione dei principi dettati dalla Costituzione, dalla Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea e dalla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU). Questa Proposta di legge vuole contrastare tale fenomeno, inserendo nel codice penale una nuova fattispecie di reato, cioè l'occupazione abusiva di immobili destinati ad abitazione. Del resto – prosegue Latini - tale relato prevede pene che non fungono da effettivo deterrente. In casi di flagranza di reato ad esempio, non è consentito l'arresto o l'adozione di misure cautelari, salvo per le ipotesi aggravate. E' evidente che l'attuale sistema sanzionatorio lascia sostanzialmente impuniti gli autori del reato e non assicura una giusta ed adeguata tutela della persona offesa”. Nella Pdl da presentare alle Camere il Presidente Latini propone che ogni persona che occupi abusivamente immobili di proprietà pubblica o privata adibiti ad abitazione venga punito con la pena della reclusione da due a sei anni e con una multa che vada da 2mila a 10mila euro. Se il reato è commesso a danno della persona disabile o con età superiore ai 70 anni la pena viene aumentata tra tre a nove anni accompagnati da una multa che va da 4mila a 20mila euro. Nel caso, tuttavia, in cui l'occupante abusivo collabori all'accertamento dei fatti e ottemperi volontariamente all'ordine di rilascio dell'immobile, la pena è ridotta da un terzo alla metà. Nell'ipotesi di flagranza di reato o di quasi flagranza, la polizia giudiziaria interviene invece per impedire che il reato venga portato ad ulteriori conseguenze. Infine si prevede che l’autorità giudiziaria competente proceda entro quarantotto ore al sequestro preventivo dell'immobile occupato abusivamente e dispone l'esecuzione dello sgombero e l'immediata restituzione all'avente diritto.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-10-2023 alle 15:13 sul giornale del 28 ottobre 2023 - 152 letture






qrcode