utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Camerano celebra il suo più grande artista Carlo Maratti insieme ad Ancona ed Ascoli

1' di lettura
40

Firmato il protocollo di intesa fra i tre Comuni. Un tavolo di lavoro per promuovere la figura del pittore e la stesura di un programma di iniziative congiunte in occasione del IV centenario della nascita previsto per il 2025.

“Quello firmato fra Camerano, Ancona e Ascoli è un protocollo di intesa importantissimo per metter a sistema a livello nazionale e internazionale il IV centenario della nascita del più grande artista cameranese: Carlo Maratti”.

Queste le parole dell’assessore Barbara Mori con delega alla Cultura del Comune di Camerano a commento della stipula dell’accordo inerente l’avvio di un percorso che nei mesi a venire accompagnerà le tre città nell’inserimento dell'illustre artista marchigiano tra le proprie iniziative celebrative.

Entrando nel merito con l'intesa si è decisa l'istituzione di un tavolo di lavoro per promuovere la figura del pittore, la stesura di un programma di iniziative congiunte. Per il coordinamento scientifico dei progetti ci si avvarrà dell’esperienza del Prof. Stefano Papetti oltre che di illustri studiosi specialisti dell’argomento.

“Un percorso – ha continuato la Mori – che aveva visto un’anteprima con la mostra “Carlo Maratti. Strategie comunicative e promozione della propria opera”, esposta in due tappe presso la Chiesa di San Francesco di Camerano dal 26 maggio 2022 al 6 gennaio 2023 e presso la Pinacoteca Civica “Francesco Podesti” di Ancona dal 20 gennaio al 10 marzo 2023, con massima partecipazione di opere provenienti dalla Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, e con il Patrocinio della Regione Marche, oltre che dell’ANCI Marche”. Didascalia foto 3. Carlo Maratti detto il Maratta, Madonna con Gesù Bambino in braccio che porge un frutto, olio su tela, Roma, Collezione Privata





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2023 alle 17:23 sul giornale del 27 ottobre 2023 - 40 letture






qrcode