utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ci ha lasciato Don Bruno Bottaluscio parroco della Collegiata di Castelfidardo

4' di lettura
730

É ritornato alla Casa del Padre Don Bruno Bottaluscio, parroco della Collegiata s. Stefano di Castelfidardo. Era nato ad Ancona il 27 0ttobre del 1948 ed era stato ordinato sacerdote il 16 settembre del 1972 nella chiesa parrocchiale di Varano. Dal 1 ottobre 1972 al 31 agosto 1977 è stato vice parroco della parrocchia Pio X di Collemarino. Dal 1 settembre 1977 al 31 agosto 1980 è stato vice parroco della parrocchia la Madre di Dio di Torrette. Il 1 settembre del 1980 viene nominato parroco della parrocchia San Carlo Borromeo di Borgo Rodi dove resta fino al 31 agosto del 1990.Il 30 settembre del 1989 viene nominato parroco della parrocchia Collegiata Santo Stefano di Castelfidardo dove nel pomeriggio del 30 settembre ha terminato i suoi giorni terreni. É stato insegnante di religione nelle scuole elementari, medie e superiori dal 1972 al 1992.

In ogni parrocchia Don Bruno ha svolto la sua azione pastorale con una particolare attenzione alla gente, ai ragazzi, ai giovani, alle famiglie e agli anziani. A san Carlo Borromeo ha avviato il funzionamento della chiesa appena costruita ed ha fondato molte realtà aggregative soprattutto di giovani tra le quali si ricorda ancora la società sportiva san Carlo Borromeo.

Appena giunto a Castelfidardo ha dovuto a rinforzare la struttura della Collegiata che stava manifestando segni di cedimento. Nel tempo non ha mai mancato, come egli stesso osava dire, di renderla “bella” sostituendo le finestre con delle vetrate con la raffigurazione dei santi protettori delle parrocchie e delle chiese della città. Don Bruno ha valorizzato gli artisti della città ornando la Collegiata di loro opere, su temi religiosi e la cripta dove ha ospitato il Museo di arte zambiana. Ma la sua caratteristica principale è stata quella di lanciare il suo sguardo verso i più bisognosi e di mettere in atto azioni per aiutarli. Con gli altri parroci nel 1993 ha aperto il centro di ascolto presso il Centro Caritas e Missioni nei locali dell’ex OSFIN alle Fornaci dove si avvia la distribuzione di vestiario, mobili e cose varie, soprattutto per gli immigrati, e in un secondo momento anche la distribuzione di pacchi viveri. Nel 2009 iniziano a manifestarsi i primi sintomi di una situazione economica, complessivamente, difficile e l’11 novembre, nella memoria di S. Martino, nei locali della parrocchia delle Fornaci viene aperta una mensa per la distribuzione di pasti caldi.

E per ultimo mette in piedi il Centro Pastorale Parrocchiale con sale per il catechismo, ma soprattutto con qualche camera per ospitare chi non ha un tetto e dei profughi provenienti dall’Ucraina. Don Bruno ha rivitalizzato l’Oratorio, non solo come luogo di svago e di preghiera per adolescenti e giovani, ma anche per assisterli nella composizione dei compiti, aiutando soprattutto gli immigrati. Nel primi giorni del mese di gennaio ha accusato qualche disturbo e dal ricovero sono merse problematiche complesse che lo hanno portato alla fine della sua vita nel pomeriggio di sabato 30 settembre al Country ospital di Castelfidardo. In questi mesi di malattia ha sempre tenuto un contatto con i parrocchiani attraverso WhatsApp. Domenica 15 gennaio ha comunicato che non poteva celebrare la s. Messa perché, dovendo fare accurati esami clinici doveva osservare un periodo di riposo, poi nella messa di domenica 29 gennaio ha comunicato ai fedeli: “Ho un drago da combattere che speriamo di debellare”. Ma il drago ha sempre di più indebolito don Bruno tanto che il 16 settembre scriveva: “Carissimi tutti, GRAZIE! Sento la vostra vicinanza e la vostra preghiera che mi aiuta… Mi preparo a sciogliere le vele… Spero di aver combattuto la buona battaglia… Quel poco che ho fatto nel mio Ministero sacerdotale è merito del Signore… Per tutto il resto, mi affido alla Divina Misericordia… e alla vostra preghiera e al vostro perdono fraterno, come dice il Vangelo di oggi”. L’ultimo messaggio il 23 settembre al gruppo degli educatori ACR prima della testimonianza dei giovani partecipanti alla GMG di Lisbona: “Grazie per la vostra testimonianza! Siate sempre così: una goccia di acqua pulita in un clima di globalizzazione dell’indifferenza verso il prossimo che cade e muore, perché nessuno lo aiuta a rialzarsi! Siete la speranza della Chiesa e del mondo”. Si potrà rendere omaggio alla cara salma di don Bruno da domani mattina (domenica) alla Casa funeraria Alba Nova di Castelfidardo. Alle 21.00 di domani domenica sarà trasportata nella Collegiata Santo Stefano dove si svolgerà una veglia di preghiera.

I funerali saranno celebrati da sua ecc. Mons. Angelo Spina lunedì alle ore 15.00 nella stessa Collegiata. *Ci è giunta notizia, di cui si prega di trovare conferma, che l’Amministrazione comunale potrebbe proclamare il lutto cittadino per lunedì.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2023 alle 10:35 sul giornale del 01 ottobre 2023 - 730 letture






qrcode