utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > SPORT
comunicato stampa

Amarcord del Paralimpico Osimano Andrea Cionna

3' di lettura
438

Calato il sipario sui recenti Campionati Mondiali di atletica leggera Paralimpica di Parigi un doveroso ricordo va all’atleta Osimano Andrea Cionna , ex maglia azzurra della Nazionale Italiana Paralimpica.

Un’Atleta che ha lasciato una traccia nella storia del movimento paralimpico mondiale con il suo 2h.31’59” ottenuto a Roma 2007 a tutt’oggi la migliore prestazione mondiale nella Maratona.

Una storia la sua iniziata nel 1999 quando decise di partecipare e portare a termine la più impegnativa prova dei km.42.195 della Maratona. Affrontare una gara impegnativa come la maratona, per Andrea ha rappresentato una sfida ambiziosa e affascinante.

E così è partita la sua bella avventura con una cordicella di 20 cm. un cordone ombelicale collegato al suo inseparabile amico Poliziotto Gianluca Mengoni. Entrambi con la maglia dell’Atletica Amatori Osimo Bracaccini hanno iniziato a partecipare a gare su strada con altri atleti normodotati.

Il suo primo importante impegno e banco di prova la Maratona di Praga del 1999 al termine della quale è arrivata la sua prima convocazione del Comitato Paralimpico Nazionale.

Stimolato dalla maglia azzurra con accresciuto impegno aumentata la quantità dei km. percorsi ha lavorato nella qualità degli allenamenti programmandoli con i suoi amici dell’Atletica Osimo Bracaccini : Samuele Pirani , Graziano Cesari, Danilo Cantori, Mirco Caprari, Paolo Sorichetti e Doriano Bussolotto che lo hanno seguito negli allenamenti e nelle gare.

Ad aprire il suo ricco palmares dei risultati conseguiti la conquista del suo primo titolo Mondiale di Maratona ottenuto nel 2002, a Lille (Francia), per poi bissarlo l’anno dopo nel 2003 ad Atene.

L’evento più importante della sua carriera sportiva è arrivato con la partecipazione alla sua prima Paralimpiade di Atene, 2004. Ricordo indelebile dove si mise al collo due medaglie di Bronzo nella Maratona e nei 10.000 m. su pista.

Altro Bronzo riuscì a conquistarlo nella Maratona dei Mondiali ad Assen (Germania) nel 2006 All’apice della sua carriera sportiva l’anno d’oro arrivò nel 2007 quando a San Paolo del Brasile ottenne il titolo di Campione del Mondo sui 5.000 e nei 10.000 m.

Nello stesso anno il più prestigioso successo nella Maratona di Roma che oltre la vittoria realizzò il suo primato personale, attuale record Mondiale nella cat. T11 . Nel 2008 consegui il 6° posto Assoluto nella Maratona delle Paralimpiadi di Pechino, e nel 2011 in Nuova Zelanda è di nuovo medaglia d’argento. Andrea un personaggio a tutto tondo rifuggito dalla sedentarietà ha dimostrato forte impegno, costanza, autodisciplina e resilienza, doti personali che lo hanno portato a raggiungere importanti risultati, da lui ce da noi mai immaginati. Chiusa la parentesi sportiva con il suo innato bisogno di muoversi di mettersi sempre in gioco verso nuove sfide , la corsa della vita per Andrea continua; non più correndo su di una striscia di asfalto o su di una pista di atletica, ma solcando il mare a bordo del suo 12 metri Comet 33, con il vento in poppa veleggia da una sponda all’altra dell’Adriatico insieme ai suoi storici amici.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-08-2023 alle 17:21 sul giornale del 12 agosto 2023 - 438 letture






qrcode