utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Il 5X1000 alla Lea del Dilo D'Oro: #unaaiutoprezioso per migliorar il futuro di chi non vede e non sente

7' di lettura
76

Continuare a crescere grazie all’apertura di nuove Sedi e Servizi Territoriali in tutta Italia per essere sempre più vicini a chi non vede e non sente e alle loro famiglie; garantire percorsi educativo-riabilitativi personalizzati a un numero maggiore di bambini, ragazzi e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, dando loro l’opportunità di uscire dall’isolamento; investire sempre più in formazione e ricerca; rendere operativo il secondo lotto del Centro Nazionale di Osimo, un polo di alta specializzazione e una risposta concreta alle domande di tanti genitori sul “dopo di noi”: sono questi alcuni dei motivi per scegliere di destinare il proprio 5x1000 alla Lega del Filo d’Oro. Un gesto semplice e gratuito, in grado di fare la differenza per chi ogni giorno affronta la complessa sfida di andare oltre il buio e il silenzio.

Basta inserire il codice fiscale 80003150424 nella propria dichiarazione dei redditi e la propria firma. Per maggiori informazioni: 5x1000.legadelfilodoro.it

Ogni giorno tanti bambini e adulti con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale affrontano la complessa sfida di andare oltre il buio e il silenzio. Per loro comunicare con gli altri è difficile: non vedono, non sentono e spesso convivono con altre disabilità, come quella cognitiva e motoria, che possono isolarli persino dagli affetti. Hanno bisogno di percorsi educativo-riabilitativi personalizzati, lungo tutta la vita, per riuscire a superare la barriera fatta di incomunicabilità ed isolamento imposta dalla loro condizione e raggiungere la maggiore autonomia possibile.

Dal 1964 la Fondazione Lega del Filo d’Oro Onlus è il punto di riferimento nazionale per le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e le loro famiglie, ed è grazie a quel “filo d’oro” che si snoda in tutta Italia attraverso le Sedi e i Servizi Territoriali se l’Ente può fornire risposte sempre più adeguate ai loro bisogni, là dove esse vivono. Uno degli obiettivi principali della Fondazione è infatti quello di potenziare la propria presenza a livello territoriale sia nell’aspetto quantitativo, aumentando cioè il numero delle attuali dieci Sedi, sia dal punto di vista qualitativo, potenziando i servizi offerti. Per questo è fondamentale il contributo del 5 per mille, un gesto semplice e gratuito che si traduce in #unaiutoprezioso per chi non vede e non sente. Basta inserire nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale 80003150424 e apporre la propria firma.

“Il 5 per mille è un sostegno molto importante e completamente gratuito e se non si sceglie a chi devolverlo, verrà comunque trattenuto dallo Stato. Consente alla Lega del Filo d’Oro, oggi presente in 10 regioni italiane, di continuare a crescere nei territori per aiutare un numero maggiore di persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale e le loro famiglie – dichiara Rossano Bartoli, Presidente della Lega del Filo d’Oro - È anche grazie ai proventi di questo supporto fondamentale se nel 2022 abbiamo potuto realizzare un grande sogno, ovvero terminare la costruzione del secondo lotto del Centro Nazionale di Osimo, un polo di alta specializzazione grazie al quale potremo rafforzare tutte le nostre attività, garantire percorsi educativo-riabilitativi personalizzati a un numero maggiore di utenti e rispondere alle esigenze degli adulti sordociechi che non possono più contare sul supporto delle famiglie. E oggi ne abbiamo ancora più bisogno per renderlo operativo e pieno di vita, mantenendo l’alto standard qualitativo che ha sempre contraddistinto il nostro modo di intervenire”.

CINQUE PER MILLE: UNO STRUMENTO GRATUITO, MA LO SANNO SOLO 4 ITALIANI SU 10

Il 5x1000 è una quota dell’imposta IRPEF che ogni cittadino può scegliere di destinare a un ente che svolge attività di interesse sociale. Non comporta oneri aggiuntivi, dato che il contribuente che compila la dichiarazione dei redditi è in ogni caso tenuto a pagare l’IRPEF. Se non si sceglie a chi devolvere il 5x1000, esso verrà comunque trattenuto dallo Stato. Sebbene si tratti di uno strumento abbastanza diffuso, molti italiani ancora non sanno che scegliere di devolvere il 5 per mille non comporta costi aggiuntivi: secondo una recente indagine condotta da Astra Ricerche per la Lega del Filo d’Oro (2023), infatti, solo due italiani su cento non hanno mai sentito parlare del 5 per mille, ma all’atto pratico solo sei su dieci sono certi di averlo destinato nell’ultima dichiarazione dei redditi e appena quattro su dieci sono consapevoli della sua gratuità. Dai dati è inoltre emerso che il 15% degli italiani non destina il 5 per mille perché pensa erroneamente che ci siano costi aggiuntivi o una tassazione maggiore a proprio carico, il 16% non ha avuto modo di individuare il beneficiario, mentre il 17% dichiara di non devolverlo perché non sa come fare, a conferma di una scarsa informazione su questo tema, che fa perdere ai contribuenti l’opportunità di decidere cosa fare con le proprie tasse.

L’IMPORTANZA DI DESTINARE IL 5 PER MILLE ALLA LEGA DEL FILO D’ORO

I proventi del 5 per mille garantiscono la crescente capillarità della presenza della Lega del Filo d’Oro sul territorio nazionale, grazie all’apertura di nuove Sedi e Servizi Territoriali: la Fondazione sta attualmente lavorando in Abruzzo per il recupero della casa dove ha vissuto, a San Benedetto dei Marsi (AQ), la sua fondatrice Sabina Santilli e dove nascerà un Centro Studi e Sede Territoriale, e nel Lazio per la realizzazione di un Centro Socio Sanitario Residenziale e Diurno. Inoltre, la Fondazione potrà continuare ad offrire percorsi educativi e riabilitativi personalizzati; a rafforzare ed ampliare i servizi già esistenti, garantendo gli alti standard qualitativi di sempre e potrà stringere ulteriori collaborazioni nell’ambito della ricerca, per migliorare la quotidianità di chi non vede e non sente attraverso soluzioni in ambiti come la comunicazione e le tecnologie assistive. Un grandissimo investimento, sostenuto anche dal 5 per mille, è il Centro Nazionale di Osimo, un polo di alta specializzazione recentemente inaugurato alla presenza del Presidente della Repubblica: il secondo lotto – che porta da 56 a 80 i posti residenziali – è stato completato e ora bisogna sostenerne l’operatività.

PER TANTE FAMIGLIE IN TUTTA ITALIA UNA FIRMA DIVENTERÀ #UNAIUTOPREZIOSO

Scegliere di devolvere il 5 per mille alla Lega del Filo d’Oro è una scelta consapevole che non costa nulla, è un gesto semplice che può contribuire in modo concreto a migliorare la vita di chi non vede e non sente e delle loro famiglie. Come è stato per il piccolo Biagio Luigi e la sua famiglia - protagonisti insieme a Neri Marcorè e Renzo Arbore della campagna #unaiutoprezioso dell’Ente – che hanno fatto un lungo viaggio, da Gela a Osimo, per trovare qualcuno che sapesse aiutare il bambino ad uscire dal suo isolamento, che fosse in grado di comunicare con lui, facendogli superare tutte le sue paure, compresa quella di essere accarezzato. Dopo essere stato ospitato presso il Centro Nazionale, ora è tornato a casa in Sicilia e, grazie al supporto della Fondazione anche sul territorio, sta raggiungendo straordinari traguardi nel suo percorso verso una maggiore autonomia.

COME FARE

Destinare il 5 per mille alla Lega del Filo d’Oro è facile, basta mettere una firma nella casella dedicata al “sostegno degli Enti di Terzo Settore”, inserendo il codice fiscale 80003150424. Il 5 per mille è gratuito e non è alternativo all’8 per mille: si possono mettere entrambe le firme. E soprattutto destinare il 5 per mille alla Lega del Filo d’Oro cambia davvero la vita di chi non vede e non sente. Non costa nulla, ma vale tantissimo. Per ogni ulteriore informazione è possibile visitare il sito 5x1000.legadelfilodoro.it dove è disponibile e scaricabile una guida dedicata, oppure si può scrivere a 5per1000@legadelfilodoro.it o contattare il numero verde 800.915000.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-05-2023 alle 14:55 sul giornale del 09 maggio 2023 - 76 letture






qrcode