utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'

Nasce “La Voce della Fondazione Opere Laiche” lauretane e Casa Hermes

2' di lettura
128

Si tratta del periodico in distribuzione gratuita tra le famiglie di Loreto. Per la prima volta la Fondazione dispone di un proprio organo di informazione.

Il pronti via col primo numero è andato bene, spinto dall’appassionata convinzione di riuscire a rendere più vicini i cittadini di Loreto alla poliedrica realtà della Fondazione Opere Laiche Lauretane e Casa Hermes, che aggiunge al suo sito web in fase di perfezionamento, un piccolo ma sostanzioso giornale, la sua voce, “La Voce della Fondazione Opere Laiche”, come recita appunto la testata. Si tratta di un trimestrale, che uscirà ogni 4 mesi, in circa 4000 copie, tante ne sono da qualche giorno in distribuzione gratuita presso gli altrettanti nuclei familiari lauretani. ‘Piccolo’ – 4 pagine in formato A3 - ma pieno di sostanza, il neo periodico, perché sarà uno specchio delle varie “anime” della Fondazione, con articoli che descriveranno sì la gestione, la vita e l’attività della residenza per anziani Casa Hermes (100 ospiti), ma anche della farmacia, dell’azienda agricola e dei vari immobili di cui è titolare la Fondazione. Redazione composita con il Presidente della Fondazione, Federico Guazzaroni, in veste di direttore editoriale, coadiuvato dagli altri 4 consiglieri, tra cui Italo Tanoni nel ruolo di direttore responsabile. “L’intento editoriale è quello di rendere la Fondazione sempre più aperta, nel senso di conosciuta dai cittadini. – spiega Guazzaroni – Nella Voce si parlerà del nostro presente e dei nostri progetti futuri, ci sarà anche un bollettino di notizie utili sui nostri vari servizi, sull’avvio delle iscrizioni per i residenti della struttura di riposo alla vacanza che organizziamo per loro ogni estate, sulle borse di lavoro che su segnalazione del Comune la Fondazione offre a persone in difficoltà economica”. E non mancheranno contributi scritti di alcuni tra i più “effervescenti” e arzilli ospiti di Casa Hermes, che racconteranno storie e aneddoti. Il tutto valorizzato dalla impostazione grafica curata a titolo gratuito dall’artista Bruno Mangiaterra. “Nel primo numero abbiamo voluto omaggiare L’Aeronautica Militare, di cui ricorre il centenario, pubblicandone il caratteristico logo”, conclude Guazzaroni.



Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2023 alle 10:16 sul giornale del 28 aprile 2023 - 128 letture






qrcode