utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Legalita' e efficienza: la Regione Marche prima in Italia firma due Protocolli con Ministero Interno e Anac e sperimenta una prassi che sara' trasferita ad altre Regioni

4' di lettura
42

Siglato oggi a Palazzo Li Madou un Protocollo di collaborazione tra Ministero degli Interni, Regione Marche e Anac per dare piena ed efficace attuazione alle misure volte all’efficientamento del mercato pubblico secondo le previsioni del nuovo Codice dei contratti pubblici e alla prevenzione della corruzione nella Pubblica Amministrazione. Alla firma il presidente della Regione Francesco Acquaroli, il sottosegretario per il Ministero degli Interni on. Emanuele Prisco e il presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) Giuseppe Busia.

Nell’occasione Acquaroli e Busia hanno condiviso anche un secondo Protocollo di vigilanza collaborativa tra la Regione Marche e Anac in materia di anticorruzione e trasparenza in merito agli interventi a seguito dell’alluvione del 15 settembre 2022. E’ la prima volta che una Regione firma un accordo di questo tipo: si tratta di una sperimentazione che diventerà modello anche per altre Regioni.
“Oggi con queste firme – ha esordito il presidente Acquaroli - esprimiamo la volontà di raggiungere due intenti: la legalità che va sempre garantita e l’efficienza nel mettere a terra il prima possibile risultati su progetti condivisi da tutti. Credo che l’approccio di collaborazione istituzionale intrapreso con questi protocolli sia utile sia per snellire e velocizzare le procedure che per lo scambio di informazioni e buone pratiche che possono essere d’aiuto nel perseguire gli obiettivi strategici che ci proponiamo su questioni molto importanti come la ricostruzione post sisma, la ricostruzione post alluvione del settembre scorso, la programmazione europea e le sfide del PNRR.
“Ci sono due necessità che vanno contemperate – ha sottolineato l’on. Prisco -: quella di prestare sempre la massima attenzione ai controlli relativi alla legalità e soprattutto ai controlli antimafia sugli appalti e quella di facilitare e snellire le procedure per rendere più veloce sia la parte amministrativa che la realizzazione delle opere, penso in primis a quelle del PNRR. Essenziale per ottenere il risultato è la collaborazione di tutti i soggetti in campo e il Protocollo che firmiamo oggi va esattamente in questa direzione”.
“Con i protocolli firmati oggi – ha concluso il presidente Busia - avviamo una cooperazione tra autorità competenti e sperimentiamo un nuovo modo di aiutarsi, di scambiarsi buone pratiche, di costruire insieme buone prassi amministrative per operare bene e lasciare un segno nel tempo: l’idea è quella di offrire un modello che possa servire anche in altre regioni d’Italia. Mettiamo insieme la rapidità e l’efficienza perché le regole di prevenzione della corruzione garantiscono maggiore efficienza”.
Il Protocollo di collaborazione con il Ministero degli Interni e l’Anac prevede:
• lo sviluppo di attività informative e formative in materia di prevenzione dei rischi, finalizzate alla promozione ed al rispetto della sicurezza e della legalità, con riguardo all’intero processo di acquisizione e con particolare riferimento alla fase di esecuzione contrattuale ed alla eventuale rendicontazione
• la promozione della cultura della integrità e della trasparenza, per promuovere un’efficace strategia di prevenzione dei rischi di frodi, corruzione ed infiltrazioni criminali nei contratti pubblici, anche mediante la valorizzazione della relativa sezione anticorruzione e trasparenza del PIAO.
• Individuazione di forme di collaborazione volte ad ottimizzare ed efficientare i processi di popolamento dei dati nella Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici anche con riferimento al Fascicolo Virtuale dell’Operatore Economico.
Il Protocollo di vigilanza collaborativa tra Regione e Anac invece fa riferimento alla gestione dei fondi assegnati per fronteggiare gli eventi calamitosi del 15 settembre 2022. Il presidente Acquaroli infatti, nel suo ruolo di Commissario delegato per l’alluvione, ha chiesto all'ANAC di avviare appunto una attività di vigilanza collaborativa finalizzata a gestire correttamente i fondi e le procedure e a raggiungere in tempi brevi e certi gli obiettivi di cui ai piani degli interventi approvati dal Dipartimento di Protezione civile. La vigilanza si sostanzierà nell'individuazione delle misure più efficaci, derivanti dall'esame dei rischi di corruzione maggiormente ricorrenti nell'area dei contratti pubblici.
Il Protocollo si inserisce all'interno di una serie di iniziative di collaborazione con le istituzioni, di rilievo nazionale e locale a diverso titolo competenti nella prevenzione di irregolarità nell'utilizzo di fondi pubblici e di fenomeni di illegalità. Nella redazione dell’atto è stato coinvolto il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Macerata, nella persona del direttore, Prof. Stefano Villamena che ha espresso la disponibilità a svolgere le attività di coordinamento tecnico-scientifico del progetto.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2023 alle 08:28 sul giornale del 08 aprile 2023 - 42 letture






qrcode