utenti online

Pieroni alla Regione: ‘Basta fare orecchie da mercante sul CUP del Santa Casa’

2' di lettura 15/12/2022 - Il Sindaco di Loreto interviene sulla questione del Centro Unico Prenotazioni dell’Ospedale cittadino, che da inizio anno è rimasto con un solo operatore in organico e conseguenti disservizi per i cittadini e per tutta l’utenza della Val Musone.

A nulla sono valse le lettere di richiesta formale e l’approvazione di una mozione specifica in Consiglio Comunale lo scorso ottobre: la Regione Marche continua a fare orecchie da mercante sulla situazione del CUP dell’Ospedale Santa Casa di Loreto, da mesi in attesa del rimpiazzo di uno dei due dipendenti trasferito in altra sede ad inizio 2022. Una situazione che crea enorme disservizio ai cittadini e, più in generale, a tutti gli utenti della struttura, baricentrica rispetto all’intero bacino della Val Musone. Il Sindaco della Città Mariana, Moreno Pieroni, è stanco di attendere risposte che non arrivano nonostante le ripetute richieste e torna con forza sull’argomento: ‘La Regione Marche deve smetterla di fare orecchie da mercante su questa problematica – dice – Non è pensabile che vi sia un solo addetto al CUP: questo, oltre ad allungare inevitabilmente i tempi di attesa, non rende possibile neppure la normale alternanza di personale in caso di ferie o malattia dell’unico dipendente che, in tal caso, creerebbe una situazione di disservizio e disagio che non possiamo più tollerare dopo tutti questi mesi. Ma soprattutto non è pensabile che una comunità chieda delle risposte concrete agli amministratori regionali senza avere alcuna risposta: eppure ci siamo anche messi a servizio, come sindaci dei paesi coinvolti, per concertare soluzioni adeguate insieme con la Regione stessa. Che però non ci ha mai ascoltato. È evidente che l’Assessorato alla Sanità della Regione Marche, nonostante i tanti proclami e la recentissima riforma della sanità marchigiana, non tiene affatto in considerazione le peculiarità delle singole realtà. Oppure forse non c’è un’adeguata visione politica della sanità del territorio, dal momento che anche al presidio della vicina Castelfidardo si sta verificando una situazione simile alla nostra. Ora basta: vogliamo risposte chiare, concrete e rapide’.

La situazione del Cup del Santa Casa, secondo il primo cittadino lauretano, sarebbe inoltre anche la prova provata di un’azione sistematica di depauperamento dell’Ospedale di Loreto, sebbene la struttura abbia dimostrato ampiamente di essere un punto di riferimento importante per tutta l’area, con un elevatissimo numero di accessi annuali. ‘È chiaro che così non si va affatto nella direzione di potenziare, che con gli altri sindaci avevamo auspicato – conclude Pieroni – bensì di impoverire ancora di più: senza dubbio un errore strategico’.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Osimo.
Per Whatsapp aggiungere il numero 320.7096249 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereosimo o cliccare su t.me/vivereosimo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-12-2022 alle 18:21 sul giornale del 16 dicembre 2022 - 220 letture

In questo articolo si parla di attualità, loreto, comune di loreto, comunicato stampa, territorio, sanità, sindaco, comune di loreto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dIJW





logoEV
logoEV
qrcode