utenti online

I trend del retail: come attrarre clienti in negozio

3' di lettura 14/10/2022 - Gli addetti ai lavori concordano nel sostenere che il viaggio che porta il consumatore all’acquisto si sia fatto nel tempo sempre più articolato e meno lineare.

Basti pensare che se fino a qualche anno fa per comprare un nuovo paio di scarpe da ginnastica bastava semplicemente entrare nel proprio negozio preferito, oggi con ogni probabilità ciò non avviene che dopo aver spulciato i siti di diversi brand di calzature sportive, confrontato i prezzi dei diversi modelli su appositi compratori di prezzo, letto le recensioni di altri utenti. Più di un tempo è necessario oggi, così, attrarre clienti in negozio: ci sono tattiche più efficaci di altre per farlo e qui di seguito proveremo a scoprire quali sono, tenendo conto dei principali trend del retail del momento.

Tre trucchi per attrarre clienti in negozio: dalla SEO alle promozioni

Dal momento che, come si è visto, il customer journey si è fatto sempre più multicanale, anche se può sembrare controintuitivo, il modo migliore per attrarre clienti in negozio è trovarli – o sarebbe meglio dire farsi trovareonline. Chi ha bisogno di un centro riparazioni per il proprio smartphone e non ne abbia già uno di fiducia, del resto, quasi sicuramente effettuerà una ricerca su Google e simili prima di recarsi a quello più vicino, aperto anche durante la pausa pranzo o che garantisce la riparazione in un’ora. Quella che in gergo è chiamata Local SEO serve proprio a questo: a farsi trovare subito sui motori di ricerca quando qualcuno nelle vicinanze effettui una ricerca inerente al proprio business, a un livello zero, e, a un livello immediatamente successivo, ad attrarre clienti in negozio dando loro tutte le informazioni di cui hanno bisogno.

Tra i trend del retail non si può non considerare, del resto, che diversi fattori – economici, legati al rispetto dell’ambiente, eccetera – hanno reso sempre meno impulsivi e sempre più consapevoli gli acquisti. Si può provare ad attrarre clienti in negozio, così, anche lavorando in anticipo a consolidare la propria immagine di esperti del settore. Una bioprofumeria specializzata in prodotti naturali per la cura dei capelli ricci, per esempio, potrebbe assicurarsi che una clientela affezionata frequenti assiduamente il negozio condividendo consigli per l’hair routine quotidiana o su come affrontare problemi specifici come la caduta di capelli in autunno: per farlo potrebbe scegliere tanto il proprio canale Instagram, quanto una newsletter tematica o dei corsi con la presenza di esperti da organizzare periodicamente in store. Offrire contenuti che le persone reputino di valore è, insomma, ancora un ottimo modo per vendere ma le vie del content marketing sono oggi infinite più di un tempo.

Naturalmente anche la possibilità di approfittare di sconti e promozioni speciali se si acquista in store è tra le tattiche che continuano ad attirare clienti in negozio. L’ideale sarebbe far coincidere le vendite promozionali con eventi (Natale, Pasqua, il Black Friday, eccetera) od occasioni importanti per l’azienda o per il cliente (compleanno, onomastico, eccetera) non solo perché è più facile che chi acquista se ne ricordi, ma anche e soprattutto perché in frangenti come questi c’è in genere una maggiore propensione a spendere. Si può sfruttare l’SMS Marketing in questo caso semplicemente ricordando al cliente che ha un 20% di sconto su un certo ammontare di spesa o se porta con sé un amico.






Questo è un articolo pubblicato il 14-10-2022 alle 18:13 sul giornale del 26 settembre 2022 - 40 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dv9H


logoEV
logoEV
qrcode