utenti online

Al Cusanino di scena l'epico duello musicale tra Haendel e Scarlatti

1' di lettura 27/08/2022 - Il certame pianistico tra Ludovica Vincenti e Stefano Ruiz de Ballesteros ha fatto rivivere al pubblico filottranese la sfida tra i due grandi compositori e musicisti contemporanei di Giovanni Carestini.

Nella sesta serata del festival “Sulle Orme del Cusanino” è andato in scena il “Certame pianistico” tra Ludovica Vincenti e Stefano Ruiz de Ballesteros come avvenne nel 1708 tra Scarlatti e Haendel che si sfidarono in un appassionante duello musicale. La singolar tenzone si tenne a Roma, per volontà del cardinale Ottoboni, così da decretare chi fosse tra i due il miglior musicista. Le cronache ci riportano che l’italiano vinse sul clavicembalo mentre il tedesco ebbe la meglio sull’organo, ma si sa che stiamo parlando di due geni assoluti, nati nello stesso anno (il 1685 come anche il grande Bach), e che deve essere stato molto difficile giudicarli. Ludovica Vincenti e Stefano Ruiz de Ballesteros, talentuosi, acclamati e pluripremiati pianisti di livello internazionale hanno interpreto le principali sonate dei due compositori incantando il pubblico di piazzetta delle erbe che da anni è diventato il palcoscenico del festival grazie alla sua particolare conformazione che garantisce un’ottima resa acustica anche all’aperto.

Cresce intanto l’attesa per l’appuntamento di questa sera con il concerto, alle 21:30, presso la chiesa di San Francesco, dei Solisti Aquilani, musicisti di fama internazionale che sin dal loro debutto nel 1968 hanno segnato con la loro bravura le più belle esibizioni di musica classica. Per l’occasione proporranno brani di Vivaldi, Corelli e Telemann.

L’ingresso a tutti gli eventi del festival è gratuito.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-08-2022 alle 15:15 sul giornale del 28 agosto 2022 - 130 letture

In questo articolo si parla di musica, cultura, spettacoli, territorio, giornalista, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dmD3