utenti online

Pestaggio in centro: il Questore Capocasa emette ulteriori provvedimenti nei confronti dei tre autori del raid punitivo

4' di lettura 20/08/2022 - Ulteriori sviluppi sulla nota vicenda del pestaggio di fronte alla “Cremeria del vicolo”, in pieno centro ad Osimo, nella quale un giovane macedone è stato brutalmente aggredito da tre suoi conoscenti, tutti con precedenti alle spalle.

Pochi giorni dopo l' adozione del provvedimento con il quale è stata disposta la sospensione della segnalazione certificata di pubblico esercizio per la somministrazione di alimenti e bevande, ai sensi dell’art. 100 del Tulps, il Questore di Ancona, dott. Cesare Capocasa, ha adottato ulteriori provvedimenti, questa volta nei confronti dei tre autori del raid punitivo, proseguendo così sulla linea di massima intransigenza nei confronti di chi assume condotte che possono minacciare l’ordine pubblico e la tranquillità sociale.

Difatti l’Autorità provinciale di pubblica sicurezza, ha emesso tre misure di prevenzione del divieto di accesso a pubblici esercizi aventi ubicazione all’interno delle mura di cinta che delimitano il centro storico di Osimo, nell’area che praticamente comprende tutte le vie e le piazze principali della città, tra cui Piazza del Comune, Corso Mazzini e Piazza Nuova.

La misura di prevenzione, introdotta nel panorama legislativo nazionale grazie ad un “Decreto Sicurezza” approvato dal Governo a seguito della tragica vicenda di cronaca nella quale perse la vita il giovane Willy Monteiro, conferisce al Questore il potere di vietare l’accesso o di stazionare nelle immediate vicinanze di locali di intrattenimento e pubblici esercizi, nei confronti di chi sia stato denunciato a seguito di atti di violenza o aggressioni accadute all’interno o in prossimità degli stessi.

Il Questore Cesare Capocasa, a fondamento delle tre misure, ha valorizzato la dinamica del fatto per come è stata denunciata dalla vittima e poi ricostruita dagli inquirenti, evidenziado nello specifico la violenza e la brutalità dell’aggressione attuata, verosimilmente premeditata dai tre giovani osimani e studiata nei dettagli, dato che per rendere l’azione più incisiva ed efferata, è stato adoperato anche uno spray al peperoncino al fine di immobilizzare la vittima e renderla incapace di autodifendersi dai colpi sferrati mediante l’uso di un nunchaku, tipico arnese utilizzato nei combattimenti delle arti marziali.

Ad incrementare la gravità del gesto compiuto, la circostanza che il tutto si è svolto in pieno giorno ed in una zona centralissima della città, a pochi passi dal locale Commissariato di pubblica sicurezza.

Dai provvedimenti assunti, il Questore non trascura i pregiudizi ed i procedimenti penali in corso che gravano sui tre presunti aggressori, alcuni dei quali anche per fatti di una certa gravità, come una rapina aggravata in concorso, il porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere, nonché per reati in materia di stupefacenti. Uno dei tre denunciati e deferiti all’Autorità Giudiziaria, risulta essere anche già destinatario della misura di prevenzione dell’avviso orale, in considerazione dei suoi pregressi e della accertata pericolosità sociale manifestata.

A questo punto, dal quadro indiziario e probatorio a disposizione degli inquirenti, sono emersi profili di un certo spessore delinquenziale e una evidente propensione alla violazione delle leggi, procurando inevitabilmente timori ed un certo allarme sociale nella comunità locale di riferimento.

Molta soddisfazione, a seguito dei provvedimenti emessi del Questore, è stata espressa dal dirigente del Commissariato di Osimo, il vice questore aggiunto Stefano Bortone,che sottolinea che “Con tali misure, si intende garantire l’allontanamento di soggetti socialmente pericolosi dalle attività ed esercizi pubblici del centro storico, favorendo di conseguenza il rafforzamento di tutte le condizioni che mirano a garantire una movida sicura e sana, improntata ad un divertimento senza eccessi e violazione delle regole. Le misure adottate dal Questore immediatamente dopo il disdicevole episodio accaduto in pieno centro, costituiscono la risposta ferma ed intransigente dell’Autorità nei confronti di individui che nonostante la loro giovane età, hanno già alle spalle diverse denunce per fatti anche di una certa gravità commessi nel territorio osimano”.

Nel contempo, in questi giorni proseguono le attività ed i servizi di controllo del territorio da parte del Commissariato di Osimo, impegnato anche nelle varie manifestazioni ed eventi organizzati dal Comune, per consentire che tutto si svolga nel rispetto delle prescrizioni normative ed in condizioni di sicurezza, dato anche il gran numero di turisti che in questi giorni affollano le vie e piazze del centro storico.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Osimo.
Per Whatsapp aggiungere il numero 320.7096249 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereosimo o cliccare su t.me/vivereosimo.





Questo è un articolo pubblicato il 20-08-2022 alle 11:42 sul giornale del 21 agosto 2022 - 654 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attualità, aggressione, territorio, questore, provvedimenti, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dlGt





logoEV
logoEV
qrcode