utenti online

I Sindacati avvertono: Troppi supermercati in provincia di Ancona. Rischio saturazione ed esuberi

2' di lettura 30/03/2022 - Il dato della provincia di Ancona che registra picchi importanti con quasi 130mila mq di superficie (con quasi 2600 addetti) a fronte, per esempio, dei 64mila mq di Pesaro (e circa 1500 lavoratori), a fronte delle nuove aperture di supermercati e/o ristrutturazioni programmate per i prossimi mesi (Falconara, Osimo, Ancona)

In merito ai numerosi articoli apparsi nella stampa e nei media locali della Provincia di Ancona aventi ad oggetto nuove aperture di supermercati e/o ristrutturazioni programmate per i prossimi mesi (Falconara, Osimo, Ancona) è interesse dei sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, riportare l'attenzione dell'opinione pubblica anche sull'importanza di creare lavoro di qualità e che sia realmente fonte di benessere sociale per il territorio.

Occorre ricordare che la regione Marche presenta una densità nettamente superiore alla media italiana e alle regioni limitrofe, in materia di presenza di esercizi commerciali. Si rileva infatti che il rapporto tra mq commerciali (alimentari e non) per ogni 1000 abitanti è pari a 504 mq nelle Marche a fronte di una medita Italiana di 413 mq e di 331 mq nelle regioni centrali.

Particolarmente rilevante anche il dato della provincia di Ancona che, se scorporato e preso nello specifico per quanto riguarda i supermercati, registra picchi importanti con quasi 130mila mq di superficie (con quasi 2600 addetti) a fronte, per esempio, dei 64mila mq di Pesaro (e circa 1500 lavoratori).

Nel momento in cui la crisi energetica rischia di amplificare il già calante potere di acquisto delle famiglie, crediamo che l’apertura di nuovi esercizi commerciali debba essere accompagnata da un'analisi approfondita del territorio e sulle reali necessità del mercato per evitare condizioni di esuberi e di non rispetto delle condizioni di lavoro delle persone.

In aggiunta, sarebbe auspicabile che le istituzioni non abdicassero rispetto ad un ruolo di guida e di indirizzo anche degli investimenti privati per realizzare la riqualificazione di spazi abbandonati cercando di rivitalizzare aree e plessi commerciali in difficoltà (ad esempio, zona ex Carrefour).

Crediamo che tali scelte vadano fatte con la massima attenzione possibile richiedendo l'applicazione dei Contratti Nazionali di Lavoro e attraverso un confronto anche con le parti sociali partendo dall’ambito dei piani del commercio elaborato dai singoli comuni.


Da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-03-2022 alle 10:38 sul giornale del 31 marzo 2022 - 354 letture

In questo articolo si parla di economia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cV2F





logoEV
logoEV
qrcode