utenti online

Ecoforum Marche: quinta edizione

5' di lettura 11/01/2022 - Nelle Marche diminuisce la produzione di rifiuti e la raccolta differenziata continua a correre, ma mancano ancora gli impianti di riciclo. 14 Comuni Rifiuti Free, premiati per aver tenuto insieme una buona raccolta differenziata e poca produzione di rifiuto indifferenziato, circa il 4% della popolazione marchigiana.

Si è svolta questa mattina presso la sede di Ètv Marche la quinta edizione dell’iniziativa promossa da Legambiente Marche “Ecoforum”, dove hanno partecipato rappresentanti delle istituzioni, della comunità scientifica, del terzo settore e cittadini, con buone pratiche di economia circolare.

All’interno dell’iniziativa, andata in onda sul canale 12 del digitale terrestre e sulle pagine social dell’associazione ambientalista, si è discusso delle questioni nevralgiche della Regione, dalle criticità non ancora risolte nella gestione dei rifiuti, ai punti di forza di un territorio che ha ancora molto da offrire in termini di sostenibilità ambientale.

“Mentre l’economia circolare nelle Marche avanza lentamente, il cambiamento climatico corre veloce – commenta Marco Ciarulli, Presidente di Legambiente Marche – nonostante una raccolta differenziata che continua a raggiungere numeri sempre più importanti, ed una produzione pro capite di rifiuti in leggera diminuzione, i passaggi necessari per rendere nuovamente la Regione Marche una regione virtuosa nella gestione dei rifiuti non sono stati fatti. Il paradosso che stiamo vivendo in questo momento è quello di una comunità che fa un grande lavoro di differenziazione dei rifiuti, senza però poterli destinarli ad impianti di riciclo, e quindi inviandoli fuori regione. Abbiamo di fronte la straordinaria opportunità del PNRR, ad esempio con l’avviso pubblico del Ministero della transizione ecologica in scadenza il 14 febbraio febbraio 2022, che rappresenta un treno da non perdere per rendere la nostra Regione autosufficiente a livello impiantisco, così da svuotare le discariche e respingere proposte anacronistiche di gestione dei rifiuti come la realizzazione di nuovi termovalorizzatori, che hanno poco a che vedere con l’economia circolare”.

Durante l’iniziativa si è svolta la premiazione dei Comuni “Rifiuti Free”, ovvero quei Comuni che oltre a superare il 65% di raccolta differenziata, producono mediamente in un anno meno di 75kg di rifiuto, per cittadino, da avviare a smaltimento. Per questa edizione dell’ecoforum si sono registrati 14 Comuni Rifiuti Free: Camporotondo di Fiastrone (MC), con l’83,9% di raccolta differenziata e 54,7kg/a/ab; Lapedona (FM) con l’80,5% di raccolta differenziata e 55,7kg/a/ab; Torre San Patrizio (FM) con l’81,4% di raccolta differenziata e 57,3 kg/a/ab; Ponzano di Fermo (FM), con l’80,1% di raccolta differenziata e 58,3 kg/a/ab; Moresco (FM), con l’81,1% di raccolta differenziata e 59,9 kg/a/ab; Camerano (AN), con l’86,4% di raccolta differenziata e 62,3kg/a/ab; Monterubbiano (FM), con il 78,1% di raccolta differenziata e 64,1 kg/a/ab; Gradara (PU) con l’84,8% di raccolta differenziata e 64,3kg/a/ab; Terre Roveresche (PU), con l’82,7% di raccolta differenziata e 66,8kg/a/ab; Folignano (AP), con il 77,7% di raccolta differenziata e 69,9 kg/a/ab; Monte San Vito (AN), con l’85% di raccolta differenziata e 70,4kg/a/ab; Castelfidardo (AN), con l’83,9% di raccolta differenziata e 73,5kg/a/ab; Lunano (PU), con l’87% di raccolta differenziata e 74,3kg/a/ab e per finire Serra Dé Conti con 78,8% di raccolta differenziata e 74,4 kg/a/ab.

“Rispetto allo scorso anno i nostri Comuni Rifiuti Free sono aumentati – dichiara Mariagiulia Lucchetti – dell’Ufficio Scientifico di Legambiente Marche – passando da 8 a 14. Il miglioramento c’è e si vede anche nella media regionale di produzione di rifiuti, che passa da 520 kg di rifiuti prodotti da ognuno di noi in un anno, a 499 kg. ma è un passo avanti troppo timido. Recependo l’ultimo pacchetto delle direttive europee sull’economia circolare, ci siamo dati l’obiettivo di arrivare al 2035 conferendo in discarica meno del 10% dei rifiuti urbani prodotti. Per raggiungere un traguardo come questo dobbiamo mettere al centro delle politiche regionali la riduzione della produzione dei rifiuti e aumentare drasticamente il numero di Comuni Rifiuti Free”.

La quinta edizione di Ecoforum è stata promossa da Legambiente Marche ed Étvmarche, il progetto grafico è stato curato dal graphic designer Paolo Rinaldi, nell’ambito del progetto Facciamo rete, Terzo Settore in rete per l’emergenza Covid 19, finanziato dalla Regione Marche con risorse statali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Hanno Partecipato all’ecoforum: Marco Ciarulli - Presidente Legambiente Marche; Stefano Aguzzi - Assessore Ambiente Regione Marche; Daniele Carnevali - Direttivo Regionale ANCI Marche; Claudio Pettinari - Rettore Università di Camerino; Giuseppe Giampaoli – Direttore Cosmari SRL; Simone Bucchi - Presidente CSV Marche; Stefano Ciafani - Presidente Legambiente; Laura Brambilla - Responsabile Ufficio Nazionale Legambiente; Maurizio Salvo - Responsabile Rapporti Territorio CONAI; Carmine Pagnozzi - Direttore Tecnico Biorepack; Maria Teresa Celebre - Responsabile Comunicazione Calabra Maceri e Servizi S.p.A.; Matteo Giantomassi - Responsabile Comunicazione e Progetti ATA 2; Rosalia Cipolletta - Presidente Circolo Legambiente “Il Ragusello”; Mariagiulia Lucchetti - Ufficio Scientifico Legambiente Marche; Emilio Bianco - Ufficio Nazionale Legambiente; Giacomo Marincioni - Assessore Ambiente Comune di Camerano; Elisabetta Torregiani - Assessore Ambiente Comune di Castelraimondo; Lorenzo Seta - Assessore Ambiente Comune di Montemarciano; Kessili De Berardinis - Ufficio Di Presidenza Legambiente Marche; Raffaello Bonora - Responsabile Progetti Cooperativa Campo; Andrea Boccanera - Presidente ETS “Onlus Gulliver”; Giorgio Zampetti - Direttore Legambiente






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-01-2022 alle 17:59 sul giornale del 12 gennaio 2022 - 124 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, legambiente, Comuni, territorio, legambiente macerata, raccolta differenzata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cEEa





logoEV
logoEV