No Green Pass: continuano le proteste al porto di Ancona. Giuliodori (L’Alternativa c'è): “massimo supporto ai lavoratori che stanno lottando per i loro diritti”

1' di lettura 18/10/2021 - «Le proteste pacifiche dei lavoratori stanno andando avanti da giorni in tutto il Paese. Al porto di Ancona ci sono centinaia di lavoratori che stanno manifestando - sottolineo: pacificamente! - contro questo ignobile strumento di discriminazione e ricatto chiamato green pass. Moltissimi altri, pur non partecipando direttamente, sono in permesso o hanno preso giorni di ferie. Molti altri ancora si stanno rifiutando di andare a lavorare. Insomma il dissenso si sta manifestando in varie forme.

E i numeri dell’astensione dal lavoro sono molto alti. È un bel segnale. A tutti questi lavoratori esprimo la mia massima vicinanza e il mio massimo supporto. Stanno lottando per i diritti di tutti noi» così in una nota il deputato di Osimo Paolo Giuliodori, che prosegue: «Le scene vergognose di questa mattina a Trieste, con le cariche della polizia su manifestanti pacifici e indifesi, sono un segno tremendo e molto pericoloso, il segno che è in atto una repressione del dissenso che è tipica delle dittature, di certo non di uno Stato di diritto. Scene indegne di un Paese civile. Questa è una pagina nera per il nostro Paese e per la nostra democrazia, sono molto preoccupato. Per questo domani sarò presente anch’io al porto di Ancona dare manforte ai lavoratori. Tutti uniti per difendere i nostri diritti e la nostra libertà» conclude Giuliodori.


da On. Paolo Giuliodori (L’Alternativa c’è)







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2021 alle 20:45 sul giornale del 19 ottobre 2021 - 249 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, comunicato stampa, green pass

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/co7w





logoEV