utenti online

Castelfidardo: il Pif incorona il miglior fisarmonicista dell’anno, è il 21enne Bautemps dalla Francia

3' di lettura 01/10/2021 - È Julien Bautemps il vincitore del Pif 2021. Il giovane musicista francese è riuscito a iscrivere il suo nome nell’ambitissimo Albo d’Oro del Premio Internazionale della Fisarmonica di Castelfidardo.

Questo l’esito della finale di oggi al cinema Astra della Categoria Premio, il riconoscimento più prestigioso del Premio Internazionale della Fisarmonica, assegnato da una giuria internazionale di qualità composta da nove esperti e professionisti del settore fisarmonicistico e presieduta dal maestro Corrado Rojac. Alla prima delle tre audizioni c’erano 20 musicisti concorrenti. Appena 21 anni, Bautemps suona da quando ne aveva 5 anni, ha iniziato a studiare a Eybens ed ora si sta perfezionando a Parigi con Max Bonnay. Dopo di lui si sono classificati i musicisti Adam Maksymienko e Denis Snigiryov, provenienti rispettivamente dalla Polonia e dall’Ucraina. I tre finalisti, accompagnati nella finale dall’Orchestra Filarmonica della Calabria, si sono esibiti nell’interpretazione di un brano inedito del celebre compositore ucraino Volodymyr Runchak. Oltre a una borsa di studio in denaro, il vincitore ha ottenuto un ingaggio per il Festiva lirico dei Teatri di Pietra, che si tiene d’estate a Taormina e Siracusa, e l’opportunità di esibirsi in un concerto da solista con la Filarmonica della Calabria, sotto la guida della bacchetta di Filippo Arlia. “Quella che stiamo vivendo – ha spiegato Antonio Spaccarotella, direttore artistico del Pif 2021 – è una fase nuova a livello artistico e credo che il Pif possa essere un trampolino di lancio per la carriera di questi giovani sognatori che suonano la fisarmonica”.

“All’interno del Pif questo concorso mira a coltivare la musica classica dei nostri giorni, un genere che necessita di una grande preparazione tecnica e mentale da parte degli esecutori, i quali hanno suonato ad altissimi livelli, basti pensare che prima di oggi avevano eseguito appena tre prove con l’orchestra di archi” ha dichiarato il maestro Corrado Rojac.

Intanto ieri ancora grandi atmosfere nella Castelfidardo, Capitale della Musica. Nella prima parte della serata il musicista di fisarmonica elettronica polacco Zbigniew Chojnacki si è esibito in una performance suggestiva di ritmi e suoni improvvisati, che hanno incantato il pubblico per il loro contrasto fra il mood elettronico e la classicità della fisarmonica, tale da rendere ogni sua performance unica e irripetibile. Evento clou della serata al Cinema Teatro Astra è stato il concerto del celebre fisarmonicista Mirco Patarini, con l'Orchestra OFC (Orchestra Residente PIF), diretta dal Maestro Volodymyr Runchak. Il teatro fidardense ha registrato sold out per l'esibizione di quello che a tutti gli effetti viene considerato il portavoce della tradizione fisarmonicistica nel mondo. Domani, sabato 2 ottobre, il gran finale con il doppio concerto al Parco delle Rimembranze. Sul palco saliranno per primi, alle 21.30, Antonello Salis e Simone Zanchini dopo dieci anni di nuovo insieme per intrecciare le note delle loro fisarmoniche. Seguirà l’attesa esibizione di Stefano Bollani, il poliedrico pianista, incontenibile “macchina da musica”, accompagnato dalla fisarmonica di Salis, presenta uno spettacolo in cui tutto può accadere. Nessuna scaletta, nessun programma: pura improvvisazione con il succedersi dei brani che potrà passare da Bach ai Beatles, da Stravinskij ai ritmi brasiliani, con improvvise incursioni nel pop o nel repertorio italiano degli anni Quaranta, in un flusso di coscienza musicale in cui il riso e l’emozione si mescolano. La degna chiusura di una 46esima edizione davvero esaltante per il Pif tornato in presenza, con spettacoli dal vivo dopo la parentesi solo streaming, causa Covid, dello scorso anno, e sotto il segno di un’apertura della fisarmonica a generi diversi, a contaminazioni sonore e ad artisti internazionali anche non fisarmonicisti ma capaci di sperimentare un’affascinante affinità musicale con questo strumento.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2021 alle 16:36 sul giornale del 02 ottobre 2021 - 431 letture

In questo articolo si parla di musica, cultura, spettacoli, artisti, territorio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cmaf





qrcode