Chiostro di San Francesco: ore 21.00 presentazione dei volumi "quattro secoli di vita osimana (XVII-XXI) attraverso i manifesti" e di "amore amore, che m'hai fatto fare"

2' di lettura 07/09/2021 - Doppio appuntamento, martedì 7 settembre dalle ore 21.00 presso il Chiostro di San Francesco, con la presentazione di due volumi. Il primo "quattro secoli di vita osimana (XVII-XXI) attraverso i manifesti" di Massimo Morroni ed il secondo "amore amore , che m'hai fatto fare" a cura di Lino Palanca.

QUATTRO SECOLI DI VITA OSIMANA (XVII-XXI) ATTRAVERSO I MANIFESTI

Le principali vicende della storia cittadina osimana sono ripercorse ed illustrate con i manifesti che vennero affissi dal Seicento ad oggi nelle vie di Osimo. Questo è il contenuto del volume di Massimo Morroni che sarà presentato martedì 7 settembre presso il Chiostro di San Francesco alle ore 21 dal dottor Niccolò Duranti, con l’intervento anche della Presidente della Sezione osimana di Italia Nostra, professoressa Rosalba Roncaglia, e della Dirigente dell’Archivio Storico Comunale, dottoressa Francesca Egidi, nonché delle autorità comunali. I contenuti dei manifesti riportati nel libro sono i più disparati, in quanto la comunicazione di editti, eventi, celebrazioni, spettacoli ecc. ha spaziato, come è ovvio, in tutti i settori della vita civica. Ne risulta un quadro vivace che attualizza quanto è avvenuto nella nostra città negli ultimi quattro secoli.

AMORE AMORE, CHE M’HAI FATTO FARE

Martedì 7 settembre alle ore 21.30 presso il Chiostro di San Francesco la professoressa Rosalba Roncaglia ed il professor Lino Palanca presenteranno il volume Amore amore, che m’hai fatto fare. Si tratta di un’antologia composta da Leonello Spada, assistente presso il Liceo Campana, che, a cavallo tra Ottocento e Novecento, raccolse senza pubblicarli diversi canti delle campagne osimane. Ora Palanca ha curato la loro pubblicazione. Si tratta di 659 canti di lunghezza variabile, ma perlopiù brevi, che erano in bocca dei contadini del territorio osimano, durante l’espletamento dei loro duri lavori. Eppure sono pieni di vivacità, di sarcasmo, di poesia. Palanca ne ha curato con scrupolosità la trascrizione, annotandola ove ce ne era bisogno, e inserendo i giusti raffronti con canti marchigiani di altre località.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-09-2021 alle 17:56 sul giornale del 07 settembre 2021 - 40 letture

In questo articolo si parla di attualità, territorio, presentazione libri, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ch8a





logoEV
logoEV