A Castelfidardo si alza il sipario sul festival organistico della Marca anconetana

4' di lettura 01/09/2021 - Primo appuntamento del Festival Organistico della Marca anconetana a Castelfidardo, sabato 4 settembre, presso l'Auditorium San Francesco di Castelfidardo.

Le Marche sono una terra in cui, nel corso degli ultimi secoli, l’arte organaria ha raggiunto vertici di eccellenza. In particolare si possono trovare nella nostra regione numerosi strumenti antichi, circa 750, di cui molti restaurati e tuttora in buone condizioni. Tali strumenti, spesso ospitati in chiese che sono piccoli gioielli architettonici arricchiti dalla presenza di pregevoli tele o affreschi, sono stati realizzati da artigiani di diverse scuole: marchigiana, napoletana, romana, abruzzese, umbra, toscana, emiliana, lombarda e, soprattutto, veneta. La Società Amici della Musica “G. Michelli” di Ancona, attiva da più di cento anni nel capoluogo dorico con lo scopo di far avvicinare un pubblico più vasto possibile alla grande musica, è impegnata ormai da tempo anche sul fronte della valorizzazione del patrimonio organario della stessa provincia. Da alcuni anni tale impegno ha ricevuto il riconoscimento della Fondazione Cariverona che offre un prezioso supporto all’attività di valorizzazione. Grazie a questo riconoscimento, gli Amici della Musica hanno potuto organizzare un vero e proprio Festival di concerti d’organo, realizzato sotto la direzione artistica del M° Luca Scandali, prestigioso organista marchigiano affermato a livello internazionale. Nel 2021 il Festival Organistico della Marca Anconetana, concepito perciò quale vetrina per alcuni fra i più rappresentativi luoghi e strumenti storici della provincia anconetana, tocca le località di Castelfidardo, Albacina e la frazione Poggio di Ancona. Il Festival ospita sia organisti dalla solida carriera internazionale, sia giovani musicisti italiani particolarmente meritevoli ed è strutturato in modo che sullo stesso strumento si possano confrontare sia un organista giovane che un solista già affermato. L’edizione 2021 del Festival si apre proprio a Castelfidardo, sul prezioso organo op. 126, costruito dal grande artigiano veneto Gaetano Callido nel 1777 e conservato nell’Auditorium Chiesa di San Francesco. Sabato 4 settembre, rispettivamente alle ore 18.30 e alle ore 21.15, potremo ascoltare la voce dell’antico strumento grazie alla giovane Andrea Paglia, promettente organista italiana che sta costruendo una significativa carriera in Svizzera, e grazie a Paul Goussot, concertista affermato a livello internazionale e organista titolare di diversi strumenti nel suo Paese, la Francia. Questi due concerti sono il contributo degli Amici della Musica di Ancona alla valorizzazione di uno fra i più interessanti esemplari dell’ampio e significativo patrimonio di organi storici della nostra regione, frutto della sapienza costruttiva, del gusto e della tradizione della grande arte organaria attiva nelle Marche tra i secoli XVI e XIX.

L’ingresso ad entrambi i concerti è gratuito, previa prenotazione obbligatoria all’indirizzo info@amicimusica.an.it o al numero 071 2070119, lasciando un messaggio nella segreteria telefonica e indicando il proprio nome e un recapito di riferimento per poter ricevere la conferma della prenotazione stessa o essere ricontattati in caso di necessità.

Per l’ingresso ai concerti del Festival Organistico è necessaria l’esibizione del certificato verde (c. d. green pass) e di un valido documento di identità, secondo le normative vigenti. All’interno dell’Auditorium inoltre sarà necessario indossare la mascherina, nel rispetto delle disposizioni emanate per il contrasto all’epidemia da covid 19.






Questo è un articolo pubblicato il 01-09-2021 alle 17:48 sul giornale del 02 settembre 2021 - 211 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, articolo, concerto castelfidardo organo musica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/chel





logoEV
logoEV