Liste Civiche: affidamento dei rifiuti in house ora? sostegno ai dipendenti che hanno manifestato

2' di lettura 03/05/2021 - Pieno sostegno a tutti i dipendenti che ieri hanno manifestato fuori lo stabilimento ATA, i sindaci vogliono l'affidamento in house? potevano pensarci prima questa gestione dei rifiuti è il frutto di anni ed anni di ritardi e di immobilismo messo in campo dal Pd e le sue amministrazioni di sinistra, permettendo loro di preservare numerosi posti offerti dalle prebende delle società partecipate site nei vari Comuni. Ora i tempi sono scaduti e siamo tutti a pagarne le consegue, sia in termini economici per il servizio reso che in termini occupazionali, rei di non aver mai creato una grande azienda pubblica di servizio a favore di tutta la Provincia di Ancona. Come invece hanno fatto i comuni della Provincia di Macerata creando il Cosmari ! Il Comune di Osimo questo lo sa bene perché ha perso negli anni precedente il Comune di Loreto, che si è staccato dal loro servizio di gestione integrata dei rifiuti per andare nel bacino di Macerata.

Solo ora i sindaci di sinistra corrono ai ripari, ed in maniera raffazzonata oltre che confusa, cercano di rimettere insieme i pezzi per recuperare una situazione degenerata che va a discapito sia dei cittadini che dei dipendenti delle società chiamate in causa. L’avvio verso la gara ormai sarà inevitabile in quanto la scadenza del 31/12 è imminente e le vicende sono note: nel 2017 con una deliberazione ATA 30 Comuni su 38 hanno votato l’affidamento del servizio per un unico gestore secondo la forma “in house providing” in assenza di un Piano d’Ambito , documento che dovendo regolare la definizione del modello di gestione del sistema dei rifiuti in ambito provinciale , avrebbe dovuto costituire invece il disciplinare dell’affidamento. Un percorso che come consigliere provinciale insieme ad altri consiglieri e Comuni abbiamo contestato con il giusto riconoscimento da parte sia del TAR che del Consiglio di Stato. Un percorso cieco che ha portato le amministrazioni del Pd e della sinistra ad un impiego ingente di risorse pubbliche per consulenti tecnici e spese legali, con pesanti ricadute sulle bollette dei cittadini, basta confrontare le bollette emesse dalla Gestore di Macerata con quelle dei vari gestori nella Provincia di Ancona . Sui suddetti presupposti è chiaro che si avvicina sempre di più la possibilità del bando di gara per l’affidamento del servizio, finalizzato anche al miglioramento delle tariffe a favore dei cittadini ed operatori economici. Saranno poi le amministrazione che dovranno porre attenzione alla tutela ambientali del territorio, all'efficienza del servizio ed alla difesa degli attuali livelli occupazionali.

Presenteremo un ordine del giorno a firma di tutto il nostro gruppo consiliare, per la questione in merito


Monica Bordoni Capogruppo consiliare Liste Civiche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-05-2021 alle 11:48 sul giornale del 04 maggio 2021 - 552 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, territorio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b1vf





logoEV