utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Elio Brusamento ad Osimo: portavoce dell’Associazione Sclerosi Tuberosa

2' di lettura
297

Ha fatto tappa anche ad Osimo Elio Brusamento, 69 anni, l’alpino ed atleta padovano che sta compiendo una grande impresa. E’ partito il 25 aprile 2019 da Trieste per percorrere l’Italia a piedi e scoprire i borghi e i paesi meno noti, con solamente uno zaino in spalla. Il viaggio dovrebbe concludersi a giugno a Udine.

In questi giorni è ospite del convento di San Giuseppe ma già domani riprenderà la sua missione che lo poterà in Emilia Romagna, Veneto e infine nel Friuli. Elio è portavoce dell’Associazione Sclerosi Tuberosa e ha deciso di fare il giro dell’Italia a piedi per far conoscere questa malattia coinvolgendo i sindaci delle varie città dove si è fermato durante il suo lungo percorso.

Oggi pomeriggio il sindaco Pugnaloni e l’assessore ai servizi sociali Paola Andreoni lo hanno accolto in piazza del Comune e poi, nei giardini di piazza Nuova, hanno incontrato il parroco del Duomo don Dino Cecconi e i referenti locali della Misericordia e dell’Associazione Sindrome Di Marfan.

“Ho chiesto a tutti i sindaci delle città dove mi sono fermato di aiutarmi a sensibilizzare la causa dell’associazione che si batte per i malati di sclerosi tuberosa, che purtroppo conosco da vicino. Abbiamo bisogno di incentivare la ricerca e raccogliere più fondi possibili” ha spiegato Elio. La sclerosi tuberosa colpisce 1 persona ogni 6000 e in Italia ne sono affette circa 10.000. La malattia porta alla formazione di tumori benigni che colpiscono organi diversi e presenta un'estrema variabilità di sintomi, tra i più diffusi l’epilessia, lesioni a pelle e organi interni e ritardi cognitivi. “Al momento –spiega il sindaco Pugnaloni- non esiste una cura specifica e risolutiva e per questo serve finanziare la ricerca. Al signor Brusamento ho assicurato che il Comune di Osimo farà la sua parte e, a dicembre, quando avremo il plafond per i contributi da distribuire alle associazioni locali, ci ricorderemo anche dell’Associazione Sclerosi Tuberosa".



Questo è un articolo pubblicato il 30-04-2021 alle 20:55 sul giornale del 03 maggio 2021 - 297 letture