Coldiretti Ancona, il capoluogo riparte dell’agricoltura: sabato in giallo con l’apertura del Mercato Dorico: boom del Made in Marche, +8,4%

3' di lettura 24/04/2021 - “Il focus di Cassa Depositi e Prestiti che indica l’agricoltura biologica come eccellenza regionale su cui contare per la ripartenza conferma una nostra convinzione e il fatto che questo sia emerso alla vigilia dell’apertura del Mercato Dorico è di buon auspicio per il futuro di questa struttura, visto che circa il 40% dei suoi protagonisti è proprio biologico”.

È il commento di Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche, al taglio del nastro del Mercato Dorico di Campagna Amica che si è tenuto questa mattina in via Martiri della Resistenza. Che il carrello della spesa degli anconetani si sia riempito sempre di più di prodotti del territorio, soprattutto nel corso della pandemia, è evidenziato anche dai dati dell’Osservatorio Immagino: +8,4% delle vendite rispetto al 2019. Un grande cesto con il meglio dell’agroalimentare Made in Marche. All’inaugurazione presidenti anche il governatore regionale Francesco Acquaroli, l’assessore regionale all’Agricoltura Mirco Carloni, il presidente delle Camera di Commercio, Gino Sabatini, e il vicesindaco di Ancona, Pierpaolo Sediari. Prima del taglio del nastro, la benedizione del vescovo Angelo Spina.

Al termine un brindisi e agribag monodose realizzate dal cuoco contadino Giovanni Togni. Il capoluogo anconetano, dunque, si arricchisce di questa offerta (aperto il mercoledì e il sabato dalle 8 alle 13.30) dopo i confermati appuntamenti del sabato in piazza Cavour e della domenica (seconda e quarta del mese) in via Castelfidardo. “Il Mercato Dorico sarà anche un luogo d'incontro dove rafforzare legami sociali, non solo economici – aggiunge la presidente Gardoni - Qui, quando sarà possibile, organizzeremo eventi rivolti a tutta la cittadinanza, alle famiglie, agli studenti per stringere maggiormente la filiera della fiducia e della conoscenza. La cultura dell'educazione alimentare ed ambientale, del corretto stile di vita, delle diversità biologiche e umane che identificano il nostro mestiere saranno al centro degli incontri che realizzeremo per cittadini ed istituzioni”. Il Mercato Dorico, 470 metri quadrati totali, avrà spazi per degustazioni, per ospitare iniziative legate all’educazione alimentare, fattorie didattiche per i più piccoli e aula multimediale. Ospiterà una ventina di aziende con frutta e ortaggi, pane e prodotti da forno, formaggi, pasta, vino e birra agricola, olio, miele, carne marchigiana, salumi, uova, confetture e passate, pesce fresco: il meglio dell’agroalimentare a chilometro zero.

Hanno detto Francesco Acquaroli, presidente della Regione Marche: “L’agricoltura ha un ruolo centrale che spesso non viene riconosciuto. Luoghi come il Mercato Dorico aiutano a riscoprire la filiera, il sacrificio che c’è dietro la produzione di cibo, il lavoro degli agricoltori che sono i custodi del nostro territorio. L’apertura di oggi è inoltre un bel segnale dopo tanti mesi di restrizioni. Riusciamo a vedere un po’ una fase positiva, sempre con le dovute attenzioni”.

Mirco Carloni, assessore regionale Agricoltura: “Qui c’è il meglio delle Marche che non è solo raccontato ma anche testimoniato dai visi e dalle mani che lo lavorano. I prodotti agricoli non sono tutti uguali e realtà come questa possono far distinguere qual è la vera qualità. Oggi siamo testimoni di un protagonismo degli agricoltori come mai si era visto prima”.

Pierpaolo Sediari, vicesindaco del Comune di Ancona: “Aprire questo Mercato in un punto della città significa tanto. Un segnale di ripartenza. Sono certo che avrà successo”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-04-2021 alle 13:38 sul giornale del 26 aprile 2021 - 166 letture

In questo articolo si parla di attualità, agricoltura, coldiretti, cibo, territorio, eccellenza, coldiretti ancona, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bZkJ





logoEV
logoEV