Una Minoranza Creativa: alla scoperta della Sindone: 42 - L’inchiodatura dell’Uomo della Sindone

1' di lettura 25/03/2021 - L’Uomo della Sindone ha subìto una crocifissione romana praticata nel I secolo d.C. Nei suoi polsi e nei suoi piedi sono stati infissi grossi chiodi, che usualmente venivano adoperati nelle pratiche edilizie.

L’Uomo della Sindone non è stato forato nel palmo delle mani, poiché tale pratica non avrebbe consentito ad un crocifisso di rimanere fissato alla croce. Nell’appuntamento precedente abbiamo raccontato del viso e del dorso dell’Uomo della Sindone. Su entrambe queste aree si riscontrano tumefazioni e lacerazioni. Il racconto della Passione di Gesù sembra fortemente ricalcarsi sulla figura umana impressa sulla Sindone.

Il volto e il naso dell’Uomo della Sindone recano i segni e le tracce di bastonate e cadute; le ferite sulla zona scapolare sinistra e sovra-scapolare destra dimostrano come il dorso di questo Cruciarius («condannato alla crocifissione») fosse stato caricato del patibulum (la trave orizzontale della croce).

Per proseguire nella lettura clicca sul seguente link: https://unaminoranzacreativa.wordpress.com/2021/03/25/alla-scoperta-della-sindone-42-linchiodatura-delluomo-della-sindone/








Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2021 alle 09:58 sul giornale del 26 marzo 2021 - 161 letture

In questo articolo si parla di arte, cultura, testimonianza, messaggio, articolo, religione cattolica, Fabio Quadrini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUlV





logoEV
logoEV