PD a un bivio, serve un "cambiamento vero". Giovani Democratici: "Se non ora, quando?"

2' di lettura 08/03/2021 - Con le dimissioni del segretario Nicola Zingaretti il Partito Democratico si trova ora ad un bivio. Cambiare o morire. Deve decidere cosa essere, darsi un’identità precisa e non navigare più nell’incertezza delle correnti. Bisogna ristabilire la nostra collocazione nel panorama politico italiano. Iniziare a guardare alla realtà e a comprenderla per disegnare il futuro, un futuro che si avvicina a grosse falcate.

Il Partito deve necessariamente tornare ad essere rappresentativo delle realtà sociali e non solo dei propri interessi, come spesso è stato fatto nella nostra storia recente. E’ il momento dunque di prendere consapevolezza di chi siamo oggi e soprattutto di ciò che vogliamo essere domani. L’Europa ha chiamato il grande programma di aiuti elargito qualche tempo fa: Next Generation EU. L’Europa ha deciso di guardare in prospettiva per poter creare un ponte solido per le nuove generazioni. Per lo stesso motivo chiediamo che il Partito Democratico apra una nuova fase rigenerativa, un piano Next Generation PD. E’ il momento di investire sulle tante giovani democratiche e sui tanti giovani democratici che compongono il nostro partito. Su ragazze e ragazzi che si formano continuamente, che hanno voglia di esprimere il proprio parere e portare il proprio punto di vista. Un punto di vista generazionale e diversificato, necessario nell’ottica di una transgenerazionalità finalizzata a costruire il futuro del nostro partito, della nostra nazione e dell’unione europea tutta. E’ il momento di scegliere e dell’audacia, del coraggio di essere progressisti veri e non solo per slogan. Dunque, proprio perché ci troviamo ad un crocevia fondamentale, come Giovani Democratiche e Democratici, vogliamo ancora una volta ribadire la nostra presenza e la nostra voglia di partecipare attivamente alle decisioni sulla vita politica del nostro partito. E’ il momento di aprire al nuovo, di guardare al futuro, rifiutando banali slogan ma abbracciando un’idea reale e pratica di progresso e di transgenerazionalità. Noi ci siamo, siamo pronti. Questa volta noi non abbocchiamo.

Con questo comunicato inviamo dunque un appello a tutte e tutti i Giovani Democratici, facciamoci sentire, insieme e compatti la nostra voce avrà un forte eco. Invochiamo un Next Generation PD, ripensiamo il nostro partito e scriviamo il nostro futuro. Al Partito Democratico diciamo chiaramente, eccoci. Non basta andare a cercare le risposte in mare aperto, bisogna anche ascoltare la ciurma.

E’ ora di un cambiamento vero, senza paura. Per questo ci e vi chiediamo: “se non ora, quando?”


da Giovani Democratici
Provincia di Ancona







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-03-2021 alle 16:05 sul giornale del 09 marzo 2021 - 168 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, pd, giovani democratici, gd, gd ancona, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRAF





logoEV