Trenta furti in un mese, sgominata la banda del foro. Numerosi colpi a Polverigi e Castelfidardo

2' di lettura 16/02/2021 - Hanno svaligiato decine di abitazioni tra Ancona e la val Musone: arrestati dai carabinieri del Norm di Osimo quattro ladri acrobati

Martedì mattina i militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro cittadini albanesi, emessa dal gip di Ancona Carlo Masini su richiesta del sostituto procuratore Rosario Lioniello. I quattro componenti della banda sono ritenuti responsabili in concorso di 34 furti aggravati in abitazione (4 tentati) commessi nel novembre scorso tra le province di Ancona e Macerata.

Il gruppo criminale era specializzato nei furti in appartamento. Dalla loro base operativa in un appartamento di Ancona, la banda si muoveva tra il capoluogo dorico e diversi comuni della val Musone e della provincia maceratese. Nel dettaglio, i militari hanno accertato 7 furti commessi ad Ancona, 10 a Polverigi, 1 a Camerano, 2 a Offagna, 6 a Castelfidardo, 1 a Loreto, 3 a Recanati e 4 a Potenza Picena.

Il modus operandi era sempre lo stesso: colpivano tra le 17 e le 20 sul retro delle abitazioni, arrampicandosi sul balcone, anche ai piani più alti. Raggiunto il balcone, praticavano un foro alla porta finestra attraverso il quale introducevano un pezzo di ferro creato ad hoc e aprivano la maniglia. Una volta all'interno, rubavano gioielli, orologi e denaro contante.

Le indagini, andate avanti per oltre un mese, erano partite in seguito a quattro furti commessi a Polverigi il 26 novembre scorso, uno dei quali era diventato rapina per l’aggressione e le minacce al proprietario che li aveva sorpresi. I quattro erano stati arrestati in flagranza di reato ad Ancona, in via XXV Aprile, dopo un lungo inseguimento. In quella circostanza, nel corso delle perquisizioni erano stati rinvenuti oggetti preziosi, orologi e denaro, ritenuti provento dei furti e riconosciuti da gran parte delle vittime, nonché strumenti atti allo scasso.

Le indagini dei carabinieri hanno ricostruito tutti i colpi messi a segno dalla banda e portato alle misure cautelari eseguite nella giornata di martedì e notificate agli interessati. Due di loro erano già a Montacuto, gli altri due ai domiciliari.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite WhatsApp e Telegram di VivereAncona
Per Whatsapp aggiungere il numero 350 053 2033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereancona o cliccare su t.me/vivereancona






Questo è un articolo pubblicato il 16-02-2021 alle 16:31 sul giornale del 17 febbraio 2021 - 941 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, furti in appartamento, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bOl7





logoEV
logoEV