Fondazione Recanatesi: aggiornamento dati Covid-19

3' di lettura 04/02/2021 - Alla data del 03 febbraio 2021 gli ospiti residenti presso la Fondazione Recanatesi di Osimo sono 99 di cui 79 anziani sono positivi al virus Covid-19. Mentre, si registrano n.30 operatori sanitari positivi su 67.

La prima preoccupazione della Fondazione è quella di garantire ed assicurare la dovuta assistenza agli ospiti con un presidio sanitario in grado di monitorare costantemente le condizioni cliniche sia di chi è risultato positivo sia di chi è rimasto immune al contagio.

L’iniziale momento di difficoltà che si è venuto a creare per l’improvviso incremento di operatori sintomatici è ora sotto controllo, anche grazie al supporto ricevuto dall’Asur Marche con l’invio di personale infermieristico (n.4 unità) e medico che consente di garantire gli standard assistenziali previsti dal caso. È, inoltre, in corso il reclutamento di personale OSS per sopperire alla carenza di organico.

Anche la Marina Militare si è dimostrata collaborativa assegnando all’Ente n.3 infermieri (già operativi), come pure la Protezione Civile nella distribuzione di DPI, affinché tutti gli operatori possano lavorare in piena sicurezza. Il personale infermieristico della Fondazione, assieme a quello messo a disposizione dai citati Uffici ed unitamente alla presenza dei medici dell’USCA consento di effettuare una sorveglianza sanitaria degli ospiti durante tutte le 24 ore.

Purtroppo, in questi giorni di emergenza il personale sanitario della Fondazione, che al momento è composto di n.2 unità, non può assicurare una puntuale informazione ai familiari di riferimento degli ospiti sulle loro condizioni di salute essendo impegnato, oltre che nelle normali funzioni, anche nell’attività di affiancamento dei nuovi infermieri/operatori che non conoscono la struttura, gli utenti e le loro abitudini. Nondimeno essi sono occupati anche nell’affiancamento ai medici curanti, ai medici dell’USCA e nella somministrazione dei tamponi a tutto il personale ed agli ospiti della struttura.

Per questi motivi abbiamo ribadiamo quanto già in precedenza comunicato ai familiari di chiedere le informazioni sullo stato di salute dei propri cari ai Medici di Medicina Generale, unici responsabili dello stato clinico dei loro pazienti e che sono tenuti ad assicurare le visite ed interventi, specialmente in questa situazione.

La Fondazione continua in ogni caso, come già sta avvenendo, ad effettuare il servizio di videochiamata familiare/ospite per ridurre il distacco dai propri cari. Ci corre l’obbligo, infine, di precisare che i numeri e le informazioni sopradette sono suscettibili a continui cambiamenti.

Tutto il personale sta lavorando per fronteggiare l’emergenza determinata dalla diffusione del contagio, proseguendo le attività nel rispetto delle misure precauzionali di contenimento del rischio, per garantire agli ospiti le migliori cure possibili e, nonostante, alcuni titoli apparsi sulla stampa locale possano indurre i lettori a credere in una situazione di grave negligenza, che di certo non aiuta il nostro lavoro.

Il nostro auspicio è che questa situazione di emergenza possa essere superata al più presto per tutti e consentire agli utenti di potere nuovamente sentire l’affetto di una carezza data dai propri cari.


Presidente Dott.Iacopo Bellaspiga - Fondazione Recanatesi "residenza protetta per Anziani"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2021 alle 17:41 sul giornale del 05 febbraio 2021 - 1209 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, territorio, casa di riposo, contagi, comunicato stampa, covid 19

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bMAU