utenti online

Decreto Natale: duro colpo per le imprese

1' di lettura 19/12/2020 - “Prendiamo atto del non rispetto delle promesse del governo relativamente all’impegno che era stato assunto.

E’ stato chiesto alle nostre imprese di rispettare le regole, di stare chiusi a novembre, con la promessa di un Natale con le attività aperte, e invece oggi apprendiamo che quanto promesso non è stato mantenuto, con le nostre imprese che anche stavolta subiranno un durissimo colpo”, affermano Graziano Sabbatini e Marco Pierpaoli, Presidente e Segretario di Confartigianato Ancona – Pesaro e Urbino, commentando le misure del Decreto Natale del governo.

“Purtroppo la situazione sanitaria continua a essere difficile e, al contempo, la sofferenza della nostra economia non accenna a diminuire. Queste misure assesteranno il colpo finale a molte attività economiche”.

“A marzo, aprile e maggio, con le riaperture, e poi di nuovo in autunno, con la seconda ondata, i nostri imprenditori sono stati attenti a rispettare le regole, di fatto però non sono state messe in atto altre misure strutturali per gestire l’emergenza sanitaria. Siamo fermamente convinti che non siano le attività economiche a veicolare la pandemia”.

“Le misure che vengono adottate, peraltro, sono troppo generiche e generaliste e mal si adattano a contesti come quello della regione Marche che, con il suo milione e mezzo di abitanti, arriva a circa la metà di quelli della sola Capitale”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-12-2020 alle 19:35 sul giornale del 21 dicembre 2020 - 314 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato, economia, imprese, urbino, redazione, ancona, pesaro, territorio, confartigianato ancona e pesaro - urbino, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bGu5





logoEV