utenti online

Covid 19 e Poste Italiane: SLC CGIL MARCHE chiede alla Regione di fare tamponi gratuiti ai lavoratori postali

1' di lettura 16/11/2020 - Covid 19: Slc Cgil Marche chiede alla Regione di attivarsi per effettuare tamponi gratuiti ai lavoratori delle Poste nelle Marche.

Tale richiesta, per la verità, era stata formulata a Poste Italiane che, però, si è rifiutata nonostante il personale dell’azienda sia costantemente sottoposto al pericolo di contagio. I dati dell’azienda non sono infatti confortanti e risultano in costante aumento: nelle Marche, nella seconda ondata del virus, si contano 50 contagi tra i lavoratori postali di cui 15 guariti e 1 deceduto. Proprio per questo, Slc Cgil Marche chiede anche all’azienda che venga ripristinata la consegna delle raccomandate solo con l’avviso vocale senza apporre la firma. A Poste Italiane è stato anche chiesto di aprire gli uffici postali rimasti chiusi per evitare assembramenti e lunghe file davanti alle sedi.

“I lavoratori postali svolgono un ruolo essenziale e lo hanno sempre fatto con molta responsabilità – dichiara Gloria Baldoni, segretaria regionale Slc Cgil Marche – e, dunque, non meritano da parte dell’azienda un’organizzazione che non li protegga a sufficienza. Visto che l’azienda non intende comunque fare i tamponi gratuiti, l’auspicio è che intervenga la stessa Regione”.,






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-11-2020 alle 12:17 sul giornale del 17 novembre 2020 - 248 letture

In questo articolo si parla di attualità, sindacati, controlli, lavoratori, test, cgil marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bCae





logoEV
logoEV