utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
articolo

"Premio Adriatico – Un mare che unisce”: un riconoscimento di alto livello sociale e culturale per Carlo Gobbi

2' di lettura
1123

Un riconoscimento, quello del “Premio Adriatico – Un mare che unisce” giunto alla seconda edizione”, che il concittadino Carlo Gobbi riceverà nella serata di sabato 3 ottobre 2020.

Il premio segnala i vincitori marchigiani che si sono distinti nel proprio campo professionale, e Carlo Gobbi, stimato e conosciuto in città come uomo ed insegnante lo riceve nell’ambito della scuola.

La vita professionale di Carlo Gobbi è stata senza dubbio ricca di successi, è stato insegnante elementare dal 1956 a 1995, quindi molti di noi hanno avuta la fortuna di averlo come maestro ed anche a livello istituzionale è stato Assessore alla Pubblica Istruzione di Osimo, Presidente dell’Ospedale di Osimo, Vicesindaco, a Presidente dell’Associazione dei Comuni (Osimo – Castelfidardo – Offagna). Attualmente è componente di: Collegio dei Probiviri dell’Università della Terza Età di Osimo e comitato scientifico culturale del Museo della Liberazione di Offagna.

Ma Carlo, uomo di cultura da sempre è anche uno scrittore, le pubblicazioni a sua firma sono molteplici, tra cui: l’Impegno dei cattolici nella vita politica e sociale (1989); “Quota 360°. Il Monte della Crescia – Diario di guerra 1940-1945 e del fronte di Don Fulvio Badaloni, parroco di San Paterniano – 1^edizione 1996, 2^edizione 2004, 3^edizione 2019; “Osimani in Valle Aurina” 2011.

Tanti anche i riconoscimenti ricevuti, Cavaliera al Merito della Repubblica Italiana, nominato dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro il 2 giugno 1992 e Medaglia d’Oro di Civica Benemerenza del Comune di Osimo il 18 settembre 2018.

Un premio, quello che riceverà stasera che ne sottolinea appunto l’alto livello sociale e culturale che l’uomo e l’uomo di cultura Carlo Gobbi è e rappresenta e che promuove lo stile marchigiano sul territorio regionale, italiano ed oltre.



Questo è un articolo pubblicato il 03-10-2020 alle 12:30 sul giornale del 05 ottobre 2020 - 1123 letture