utenti online

Emergenza Covid19: l’iniziativa di mamma Micaela, delle famiglie dell’Istituto Trillini di Osimo ci insegna che “l’unione fa la forza”

4' di lettura 25/05/2020 - In un momento pieno di difficoltà, come quello dell’Emergenza da Coronavirus, che ha visto le nostre vite, la nostra quotidianità cambiare in maniera incisiva, dove per molto tempo, ed ancora oggi, abbiamo vissuto con incertezza ed incredulità quello che di questo periodo storico è stato un aspetto certamente positivo, dove questo si è manifestato, è il concetto di unione, un’unione che fa la forza e la differenza.

La storia che vogliamo raccontarvi è quella di una iniziativa partita in sordina, tra una chiacchera e l’altra fatta all’interno di un istituto scolastico del nostro territorio, l’istituto Trillini. Nei mesi di inizio pandemia, dove le famiglie dei ragazzi iscritti ed alcuni docenti hanno avuto l’idea di raccogliere dei fondi da donare a coloro che in quel momento si trovavano ad operare in prima linea contro il virus, gli operatori sanitari., che in questa storia chiamiamo “gli angeli bianchi”.

Da principio la Sig. Micaela Trovarelli presidente del consiglio di Istituto assieme ad altri genitori ha proposto come raccolta fondi “1 euro a famiglia”, una donazione dal sapore simbolico, che se si contano gli iscritti nella totalità (1300) sarebbe già stato un bel risultato. Ma andiamo per gradi.

La componente genitoriale del Consiglio di Istituto avverte il Dirigente scolastico che si dice sin da subito entusiasta dell’iniziativa ma ha spiegato come tale iniziativa non potesse passare a livello burocratico per l’Istituto, che per motivi di legge non può per questioni di bilancio gestire questa raccolta fondi.

Ovviamente questo cavillo burocratico non ha fortunatamente fermato la raccolta fondi, la Sig. Michela si è data da fare, si è informata e si è presa la responsabilità di aprire lei un conto bancario dedicato a ricevere le somme che sarebbero state donate e da li, classe dopo classe, fino alla partecipazione di tutti i plessi che costituiscono l’istituto Trillini sul nostro territorio hanno donato ciò che potevano.

Donazioni singole, fondi cassa, fondi che erano stati accantonati con la vendita di pensieri natalizi, una partecipazione eccezionale ed anche quelle famiglie che per difficoltà non hanno potuto partecipare hanno inviato messaggi di ringraziamento a sostegno di quanto operato.

“L’unione che la forza”, così vogliamo definire l’iniziativa che mamma Micaela, assieme a molti altri, sono stati capaci di creare, alla fine della quale sono stati raccolti 2170 euro, somma che la stessa Micaela a definito: “un gruzzolo che mi ha fatto sgranare gli occhi perché significativo, in un momento così difficile di quanta fiducia hanno dato a questa iniziativa, un emozione grandissima.”

A questo punto si è attivata la fase più operativa; all’interno della scuola ci sono genitori che sono operatori sanitari, da mamma Claudia a mamma Lucia al Dott. Marini e tanti altri e Micaela sottolinea come: “L'iniziativa serviva a dar voce al semplice Grazie a tutto il personale sanitario. Ho contattato personalmente il Presidio di Torrette che oltre a girarmi l'iban Donazione Covid19 mi ha messo in contatto con il personale sopracitato i quali mi hanno dato le indicazioni giuste per poter seguire personalmente la donazione. All'atto del bonifico comunicato al dott. Maraldo e all'Ing Bruè con finalizzazione precisa, ossia per acquisto ossimetri per postazioni pazienti del nuovo reparto dedicato al Mostro Covid19.”

Da qui l’attesa di vedere concretizzato lo sforzo messo in campo, e quando Micaela riceve dal Dott.Marini, cardiologo del Presidio, le foto degli ossimetri con un GRAZIE, Micaela si commuove e comprende forse quanto quella forza che fa l’unione sia stata in grado di compiere eci confessa che: “le lacrime sono scese, vuoi per il GRAZIE che va a loro a tutto il personale, denominato angeli bianchi, ma il grazie va girato a tutte le splendide famiglie che rappresento, è un onore far parte di questo Istituto che si è dimostrato una famiglia con un Presidente che ahimè per loro se si mette in testa una cosa....la fa ma se è assecondata da persone meravigliose, come gli altri componenti del Consiglio Simonetta, Margherita, Pamela, Daniele, Alessandro, Marco e Elisa come tutte le famiglie e i docenti che fanno parte di questo istituto ne viene fuori un successo . Ai docenti che colgo questa occasione per ringraziarli pubblicamente da parte mia e delle famiglie perché attraverso la DAD (didattica a distanza) hanno dato prova che, realmente siamo una squadra che cerca di crescere al meglio e nel migliore dei modi. Quindi a nome di tutto il Consiglio di Istituto dico GRAZIE a TUTTI.”

(Nella foto a fondo articolo mamma Micaela, che si è resa portavoce di tutte le famiglie che tutte assieme hanno reso possibile questa raccolta fondi)








Questo è un articolo pubblicato il 25-05-2020 alle 14:28 sul giornale del 26 maggio 2020 - 1696 letture

In questo articolo si parla di scuola, cronaca, solidarietà, territorio, raccolta fondi, articolo, emergenza coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bmpm





logoEV