Consiglio Comunale Osimo: approvato il bilancio di previsione 2020/2022

4' di lettura 23/04/2020 - Si è svolto nella giornata di mercoledì, per la prima volta in video conferenza a causa dell’Emergenza da Coronavirus il Consiglio comunale di Osimo. In un momento storico particolarmente difficile come quello che stiamo attraversando, l’amministrazione pubblica non può fermarsi, molte le problematiche in essere da affrontare, discutere e risolvere anche causa del blocco totale, dal punto di vista lavorativo-economico, che il Covid 19 sta causando.

Il Sindaco Pugnaloni, attraverso la sua bacheca social ha definito questo Consiglio Comunale: “Maratona di 6 ore on line, in audio-video conferenza ben condotta dal Presidente del Consiglio comunale Giorgio Campanari”; sottolineando come, “in attesa del concreto sostegno agli enti locali da parte del Governo due obiettivi li abbiamo centrati”, che sono la spesa corrente e gli investimenti.

Per il comparto della spesa corrente il Sindaco dichiara: “diminuiti del 50% i costi della refezione scolastica e del trasporto scolastico alle famiglie, aumentata di 130 mila euro l'assistenza all’handicap, aumentato il sostegno alle rette degli anziani nelle case di riposo. Per il 2020 prevista l'assunzione di 15 nuove unità lavorative in Comune. Dunque dal nostro insediamento non solo abbiamo mantenuto ed aumentato il numero dei dipendenti delle società partecipate aumentando la qualità del servizio reso alla comunità osimana, non solo abbiamo siglato in accordo con le sigle sindacali l'aumento contrattuale che gli spettava, ma siamo riusciti a far rinascere il Comune grazie a numerose nuove assunzioni.

È qui che si concentra l'importante impegno ad adeguare la spesa corrente consci delle difficoltà che incontreremo ad incassare entrate tributarie ed extratributarie comunali che finanziano proprio la spesa corrente.” Entrando nel merito che a causa dell’Emergenza da Coronavirus il primo cittadino sottolinea che: “in emergenza anche se ci troveremo in difficoltà ad incassare abbiamo prorogato le scadenze Tari, Tosap, imposta di pubblicità e diritti pubbliche affissioni; abbiamo sospeso pagamento rette asilo nido, refezione scolastica e trasporto pubblico locale, abbiamo reso gratuiti tutti i parcheggi; eppure i conti dovranno quadrare.

Lo Stato ancora deve vagliare il decreto aprile per gli enti locali che speriamo donerà liquidità immediata per rimediare ai minori introiti che il Comune incasserà, ma l'Amministrazione comunale deve già pensare alla fase 2 su come sostenere famiglie ed imprese. Al vaglio dopo i bonus spesa l'aumento del sostegno al pagamento bollette ed affitti per le famiglie ed un fondo per le attività produttive, da concordare con le categorie come promesso, sia per il sostegno a credito tramite confidi, sia a fondo perduto per sostenere le spese fisse di questi mesi di chiusura attività.”

L’altro punto sono gli investimenti, considerati volano per l’economia del territorio. Pugnaloni dichiara che: “seppur viviamo e vivremo ancora l'emergenza Covid-19 che ci farà incassare meno oneri di urbanizzazione, alla ripartenza dei cantieri, l'Amministrazione comunale ha 7 milioni da spendere che arrivano dagli enti sovraordinati, in primis la Regione:

-3,1 milioni di euro per la Variante a nord SS361;

- 3 milioni post sisma per "Ex Eca" e Comune;

- 0.65 milioni per la Ciclovia del Musone;

-0.06 per la Ciclovia Adriatica ad Osimo stazione;

- 0.4 milioni per nuovo cinema "Ex cinema concerto";

- 0.5 milioni per Museo del Covo - 0.35 milioni per ridotto del teatro loc. Campanelli.

Sicuramente poi concluderemo la parte di variante a nord nel collegamento Via Jesi-Mc Neil per deviare definitivamente il traffico pesante su Padiglione ed acquisteremo locali e realizzeremo una nuova biblioteca di proprieta' all'altezza dei tempi. Dopo l'approvazione del consuntivo avremo un buon avanzo di amministrazione che dedicheremo alla manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi.

Sicuramenti altri tre investimenti fondamentali saranno la cittadella della sicurezza al San Carlo, la nuova scuola primaria a Campocavallo ed il Palascherma a Vescovara. Non dimentichiamo che dopo anni di forte indebitamento delle liste civiche per investimenti quale la ricapitalizzazione di Astea che poteva essere evitata se Latini non vendeva Astea al privato e poi ci accorgeva di non contare più nulla; oggi i mutui li accresceremo per aumentare il valore patrimoniale nelle disponibilità del Comune, lo spazio d'indebitamento dopo vent’anni torna ad esserci.

Non dimentichiamo poi l'abbattimento delle barriere architettoniche con l'ascensore alla Caio Giulio Cesare ed alle scale mobili del Tiramisù, il primo intervento con devoluzione mutui, il secondo con fondi statali (130 mila euro all'anno per 5 anni, conquistati lo scorso anno per efficientamento energetico e/o abbattimento barriere architettoniche). Non dimenticandoci dell'immediatezza con la quale dobbiamo soddisfare le piccole esigenze di manutenzione che ci arrivano dal popolo.

Soddisfatto per il voto unanime sul piano triennale opere pubbliche, soddisfatto per le astensioni e/o voto contrario delle opposizioni, ma con un importante contributo al dibattito costruttivo.

Entro gli equilibri di bilancio ci aspetta una corposa variazione di bilancio di assestamento post Covid-19 fase I. Il contenuto della stessa sarà il risultato del dialogo tra maggioranza ed opposizione e soprattutto ascolto delle categorie sociali e produttive."






Questo è un articolo pubblicato il 23-04-2020 alle 10:52 sul giornale del 24 aprile 2020 - 486 letture

In questo articolo si parla di consiglio comunale, politica, sindaco, comune, bilancio di previsione, investimenti, articolo, emergenza coronavirus, video conferenza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bkaE





logoEV
logoEV