Mariani(Fratelli d'Italia):" ASTEA: cassa integrazione, sacrifici ai dipendenti e sacrifici alla Città non giustificati"

2' di lettura 17/04/2020 - Premesso che l’ASTEA SpA è controllata dalla società interamente pubblica Centro Marche Acque Srl e si occupa di servizi indispensabili (servizio idrico integrato, produzione di energia, Teleriscaldamento, Igiene urbana, Distribuzione di gas) che eroga nel territorio di 8 Comuni, compreso Osimo.

E’ difficile comprendere o meglio giustificare la cassa integrazione. Già perchè la cassa integrazione rappresenta una prestazione economica erogata dallo Stato con scopo di integrare o sostituire la retribuzione dei lavoratori nei periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa.

Ora mi chiedo come sia possibile ridurre o sospendere l’attività in tali servizi!!!! Anzi proprio in questo periodo alcuni settori hanno richiesto maggiori sforzi ai lavoratori. Penso ad esempio al servizio di igiene urbana i cui lavoratori (a cui vanno tutti i nostri ringraziamenti) hanno anche espletato il servizio santificazione strade, lavorando anche di notte!

Non capisco come possa essere ridotta l’attività degli altri settori! Non sarà forse che c’è un esubero di personale viste le numerose assunzioni degli ultimi tempi?! Comunque con la cassa integrazione il lavoratore non percepirà lo stipendio “pieno”, ma il minimo tabellare.

Oltre a questo non matura ferie, tredicesima ed altre indennità. Quindi l’azienda chiede “sacrifici” (altro che!!!) anzichè “premiare” i lavoratori che hanno garantito il servizio anche in un periodo difficile come questo, per i quali tra l’altro Giorgia Meloni si è battuta per ottenere un bonus di 100 euro!

Un bonus simbolico proprio per premiare chi ha lavorato durante il periodo di emergenza sanitaria COvid-19. Sapere che l’azienda integrerà la cassa integrazione ci fa piacere, ma con quali soldi? Sempre con quelli delle bollette pagate dai cittadini!?! Oppure Marchetti & C., vale a dire tutti i componenti il CdA di nomina politica, hanno deciso di rinunciare al loro compenso e premio annuale per finanziare l’integrazione salariale ai dipendenti in cassa integrazione? Marchetti è Amministratore Delegato e Vice presidente sia in Centro Marche Acque Srl che in ASTEA SpA.

Il suo è un incarico politico e agisce in nome e per conto di tutti i soci, compresi i cittadini osimani ai quali dovrà giustificare questa scelta. Mi auguro lo faccia in occasione dell’approvazione del Bilancio di Previsione il prossimo mercoledì in consiglio comunale.


Maria Grazia Mariani Fratelli d’Italia Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-04-2020 alle 19:20 sul giornale del 18 aprile 2020 - 410 letture

In questo articolo si parla di politica, cassa integrazione, azienda, territorio, comunicato stampa, emergenza coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bjQ4





logoEV
logoEV