Emergenza Coronavirus: effettuati i primi Rapid test ai dipendenti comunali. Pugnaloni, "Soddisfatto per l'alta adesione su base volontaria "

2' di lettura 17/04/2020 - Al via, nella giornata di venerdì, i Rapid test ai dipendenti comunali di Osimo, delle società partecipate ed al primo cittadino. Sottoporsi al test, è stato possibile su base volontaria, hanno aderito, sottoscrivendo un consenso informato, oltre l’80%.

Nello specifico, per effettuare tali test, la somministrazione è necessario il consenso o del direttore sanitario o del medico del lavoro nei luoghi dove si opera. Nel caso dei dipendenti comunali, di quelli delle partecipate pubbliche e del Sindaco Pugnaloni il medico del lavoro in questione è il dott. Francesco Cenerelli, il quale ha potuto somministrare questo test ai predetti soggetti.

Costo totale dell’operazione 7 mila euro, comprensivo dell'onorario del medico competente. Il Sindaco si è detto molto soddisfatto dell’alta adesione dei dipendenti ad effettuare il test, sottolineando la necessità di averli effettuati, spiegando che: “Test che può essere utile ad evitare contagi per chi opera al pubblico. Ricordo come i dipendenti comunali si alternano tra Smart working e lavoro in ufficio poiché il servizio allo sportello va garantito anche se in tempi di Covid-19 è su appuntamento.”

Il Sindaco inoltre ha specificato anche qual è la effettiva procedura che occorre per svolgere questo tipo di test, dichiarando: “Inizialmente questi test Sindaco e Giunta volevano donarli agli operatori socio-sanitari in città, ma poi si è riscontrato subito quale fosse l'impedimento. È necessario per somministrare tale test sierologico il consenso o del direttore sanitario o del medico del lavoro nei luoghi dove si opera. Nel caso degli operatori socio-sanitari abbiamo quindi informato codeste figure che stanno valutando questa opportunità. Infatti i test che rimarranno nelle mani dell'Amministrazione comunale, dopo aver somministrato il test ai dipendenti, è scritto nella delibera verranno donati ad Ospedale, case di riposo, Cri e Misericordia, forze dell'ordine. Ringraziamo la ditta fornitrice Tj Point S.r.l. di Massimo Falappa per averne donati 100 oltre i 400 acquistati. Come effettuarli a tutta la popolazione? Ci stiamo pensando. Presto, a prezzi calmierati, sarà possibile. Per il sottoscritto esito negativo appena comunicato.”






Questo è un articolo pubblicato il 17-04-2020 alle 11:15 sul giornale del 18 aprile 2020 - 936 letture

In questo articolo si parla di attualità, società partecipate, sindaco, test, dipendenti comunali, emergenza coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bjNZ





logoEV
logoEV