Bypass Padiglione: per il progetto manca il nulla osta sulla valutazione d'impatto ambientale e poi inizio cantiere dopo l'estate

1' di lettura 18/01/2020 - La questione viabilità è uno dei nodi cruciali in città, ed il  bypass di Padiglione è un progetto volto a decongestionare il traffico, anche se Padiglione sono in programma due tratti stradali molto attesi dai cittadini, un tratto è di competenza comunale, quello che dal MacNeil congiunge la nuova rotatoria di via di Jesi oltrepassando il Musone con un nuovo ponte. L'altro tratto invece è di competenza provinciale, e dovrebbe collegare via San Domenico a via di Jesi, superando l'incrocio sul versante opposto, quello di Campocavallo.

Le due opere sono strategiche per tutto il traffico tra le province di Ancona e Macerata, ma il loro iter le differenzia, l'opera comunale, come ha sottolineato l'assessore Pagliarecci, necessita solo del nulla osta sulla "valutazione d'impatto ambientale" da parte della Provincia., superato questo step, si potrà procedere con l'appalto per primavera e quindi avviare il cantiere dopo l'estate.

Mentre per il tratto di competenza provinciale manca ancora la presentazione del Programma propedeutico al progetto definitivo, per questo il Sindaco e l'Assessore stanno costantemente monitorando la situazione, a breve chiederanno un incontro in Provincia per verificare stato delle cose, a che punto sia la pratica per sollecitare di proseguire velocemente l'iter nel senso giusto.






Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2020 alle 07:38 sul giornale del 18 gennaio 2020 - 1200 letture

In questo articolo si parla di attualità, traffico, viabilità, comune, territorio, progetto, frazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfbO





logoEV