utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Onorevole m5s Martina Parisse: "Un duro colpo inferto dall’arma alle bande di ladri. Complimenti ai carabinieri per l’arresto di tre malviventi"

1' di lettura
1043

‘Bene l’operazione dei carabinieri Osimani che hanno assicurato alla giustizia tre ladri albanesi specializzati in furti in appartamento. Ma il fenomeno dei reati predatori rappresenta un allarme sociale contro il qualche occorre intervenire con forza fornendo risposte concrete alla cittadinanza. Soprattutto perché come in questo caso le fasce deboli, come le persone anziane, sono quelle più’ colpite dai malviventi’.

Così l’onorevole 5stelle Martina Parisse interviene sull’allarme criminalità legato in particolare modo ai reati predatori nelle frazioni anconetane e non solo. Parisse plaude alla brillante operazione dei carabinieri sottolineando come occorrano però nuove strategie di intervento per restituire tranquillità ai cittadini e soprattutto sicurezza.

‘Forze dell’ordine, associazioni di categoria e cittadini uniti in comitati devono fare squadra per riuscire ad individuare metodi di contrasto più efficaci contro queste bande. Lo ‘sguardo’ del cittadino in particolare rappresenta un punto di forza per le forze di polizia: le segnalazioni dei residenti permettono spesso di fermare i responsabili.

ùOccorre poi aiutarsi l’un l’altro: è fondamentale ad esempio la collaborazione tra vicini, soprattutto nei momenti di assenza dell’uno o dell’altro. L’unione da sempre fa la forza’. Secondo gli ultimi dati i reati nelle marche sono in calo.

I furti sono scesi del 19% tra gennaio e novembre, rispetto allo stesso periodo del 2018 ma l’ondata di razzie non si arresta e i numeri restano comunque allarmanti: oltre dieci colpi al giorno. ‘Il fenomeno sta mettendo a dura prova i cittadini - commenta l’onorevole 5stelle - soprattutto durante le feste che dovrebbero invece rappresentare un momento di riposo e condivisione con le proprie famiglie e che per tanti, invece, si sono trasformate in un incubo. Non dobbiamo più permetterlo’.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-01-2020 alle 15:31 sul giornale del 01 gennaio 2020 - 1043 letture