Castelfidardo: L’impegno dell’Amministrazione nell’assistenza alle persone in difficoltà e ai soggetti disabili

2' di lettura 20/12/2019 - Allo scopo di informare tutti i cittadini, vogliamo elencare una serie di servizi che il Comune di Castelfidardo offre alle persone in difficoltà, in particolare quelli destinati a soggetti disabili.

Oltre all’erogazione di contributi destinati ai residenti che hanno perso il lavoro o non riescono con la sola pensione a far fronte al pagamento di utenze domestiche o acquisto di generi alimentari/prodotti farmaceutici, ai contributi per il sostegno al canone di locazione, ai voucher per aiutare le famiglie a pagare la retta per gli asili nido privati, una consistente somma prevista in bilancio è destinata a garantire servizi ai soggetti disabili senza contribuzione a carico degli stessi ma con costi esclusivamente a carico dell’Ente.

Sin dal primo giorno di scuola viene garantita l’assistenza scolastica ai diversamente abili con un costo di circa € 42.000 per 14 soggetti frequentanti le scuole superiori; € 145.000 per 26 iscritti alle scuole dell’obbligo alcuni dei quali hanno anche il sostegno a domicilio, oltre a quello attivato per minori a rischio per un costo annuo di € 63.000 per 25 minori disabili (la maggior parte hanno sia scolastico che domiciliare) e quattro minori a rischio per un costo di € 11.500 annui.

Alle persone anziane e/o disabili viene attivata, su richiesta, l’assistenza domiciliare per un aiuto nelle faccende domestiche e preparazione pasti, spesa che comporta un costo annuo di € 43.000 per 11 utenti.

Il trasporto scolastico o per la frequenza ai centri diurni o per eseguire terapie viene garantito a tutti i 35 soggetti che hanno presentato domanda con un costo annuo di 95.000 €. Con una piccola quota mensile, nove utenti maggiorenni frequentano il centro socioeducativo “Arcobaleno” dove vivono momenti di aggregazione fuori dall’ambito domestico, sollevando al tempo stesso la famiglia almeno per alcune ore al giorno.

Con un costo di circa 75.000 € l’anno, sono stati poi attivati 33 tirocini di inclusione sociale coinvolgendo i soggetti in attività lavorative presso enti o privati. Il Comune supporta inoltre le cooperative Roller House e “La selva” le quali accolgono, rispettivamente, 12 soggetti e tre soggetti, di cui 3 assunti direttamente dalla prima e due dalla seconda realtà.

Da ricordare anche il servizio di taxi sociale rivolto ad ultra65enni e/o disabili che consente a chi è privo di sostegno familiare o non ha familiari disponibili di recarsi ad effettuare terapie e/o visite presso strutture sanitarie. Il Comune contribuisce per circa 15.0000 € l’anno.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-12-2019 alle 15:54 sul giornale del 21 dicembre 2019 - 518 letture

In questo articolo si parla di attualità, cittadini, comune, contributi, sostegno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/belv





logoEV