utenti online

Accadde oggi: il 5 maggio 1862

3' di lettura 05/06/2019 - Il 5 maggio 1862, esattamente 157 anni fa, venne istituito il servizio postale nazionale: Garantire le comunicazioni tra i cittadini, preservandone l'inviolabilità, fu una questione prioritaria tra quelle affrontate all'indomani della nascita dello Stato unitario.

L'istituzione del servizio postale introdusse per la prima volta nella vita degli italiani il concetto di "servizio pubblico". Mentre il primo parlamento dell'Italia unita iniziava a mettere mano all'assetto amministrativo del Paese, partendo dalla proclamazione di Vittorio Emanuele II a Re d'Italia (atto costitutivo del Regno d'Italia, 17 marzo 1861), Cavour incaricò il direttore delle Poste del Regno sardo, conte Giovanni Battista Barbavara di Gravellona, di riorganizzare la rete nazionale postale.

Il primo passo fu di legare il settore della comunicazione a quello dei mezzi di trasporto, inserendo tra le competenze del Ministero dei Lavori Pubblici la gestione dei servizi delle poste, dei procacci e dei telegrafi, unitamente a quella delle ferrovie, indispensabile mezzo di smistamento della corrispondenza in luogo delle vecchie carrozze a cavalli.

Nella primavera dell'anno successivo giunse a compimento l'iter legislativo: il 5 maggio 1862 il Parlamento approvò la legge n° 604 che istituiva il servizio nazionale delle Regie Poste. Il provvedimento era costituito dai seguenti punti cardine: l'affermazione del concetto di "servizio pubblico"; la creazione del monopolio statale attraverso l'abolizione di tutte le concessioni private; la tutela della privacy della corrispondenza; l'introduzione di una tariffa unica mediante l'utilizzo del francobollo. Sul piano amministrativo, la legge istituiva una Direzione generale da cui dipendevano 18 direzioni compartimentali e 2.383 direzioni locali.

Lo sviluppo della rete ferroviaria aumentò il traffico della corrispondenza, rendendolo più sicuro e rapido. Ciò favorì anche le transazioni economiche a grandi distanze, che in quel periodo trovarono un efficace strumento nel vaglia postale, utilizzato soprattutto dai numerosi emigranti che così potevano offrire un sostegno economico alle rispettive famiglie rimaste in Italia.

Nel 1874 iniziarono a circolare le cartoline (inventate nel 1869 dall'austriaco Hermann Emmanuel), al costo di dieci centesimi, impresse con l'effigie di Vittorio Emanuele II e che ritraevano monumenti celebri come il Vittoriano e il Colosseo, accanto a scene di vita quotidiana.

Due anni dopo le Poste iniziarono a fare concorrenza agli istituti bancari, dando vita alle casse di risparmio ed emettendo i libretti di risparmio, che garantivano un forma di deposito finanziario più sicura.

L'invenzione del telegrafo senza fili di Guglielmo Marconi, nel 1896, rivoluzionò il modo di comunicare sul territorio nazionale e con l'estero, al punto che tre anni dopo si pensò di istituire un ministero ad hoc: il Ministero delle Poste e Telegrafi.

Da qui cominciò una storia diversa, che vide le Poste accompagnare gli Italiani nelle trasformazioni tecnologiche e sociali del XX secolo. Ad esempio, per il lancio del segnale televisivo della RAI nel 1954, la cui trasmissione fu possibile grazie ai ponti radio della rete postale. Gli anni Novanta segnarono la trasformazione in ente pubblico economico con il nome di Poste Italiane, diventando poi una Società per Azioni nel 1998.






Questo è un articolo pubblicato il 05-06-2019 alle 07:33 sul giornale del 05 giugno 2019 - 222 letture

In questo articolo si parla di attualità, storia, comunicazione, servizio al cittadino, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/a8go

Leggi gli altri articoli della rubrica Accadde Oggi





logoEV
logoEV