utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Terza giornata della VII edizione delle giornate dell'anima: " dare un anima alla Scuola"

2' di lettura
458

Questione particolarmente attuale, quella messa a tema della settima edizione de “Le giornate dell’anima”, in quanto da più parti si chiede di “dare un’anima alla società”, questo il titolo dato agli incontri, per dire la necessità di umanizzare la convivenza civile, e l’invito è stato accompagnato dal riferimento a san Francesco, per cui il Festival di cultura e spiritualità si è collocato quest’anno nell’ambito delle manifestazioni per il cosiddetto “anno francescano” con cui l’arcidiocesi di Ancona Osimo intende ricordare l’ottavo centenario della partenza di san Francesco per la Terra Santa.

I primi due incontri, che si sono svolti al Teatro San Cosma dell’omonima parrocchia, hanno chiaramente mostrato l’utilità della iniziativa: sia per la qualità dei relatori (da Alberto Niccoli a Luigino Bruni, da Luigi Alici a Massimiliano Marinelli), sia per la partecipazione del pubblico; così sui problemi dell’economia e della bioetica si è avuta una articolata riflessione da parte dei relatori e una feconda discussione da parte degli intervenuti.

Anche il terzo appuntamento, che si terrà a Osimo venerdì 31 maggio nel salone “San Francesco” presso la basilica di San Giuseppe da Copertino si preannuncia di grande interesse, perché il tema della scuola si trova al centro non solo di studi pedagogici ma anche delle cronache quotidiane e si rende sempre più evidente la necessità di tornare a dare un’anima alla scuola, che per definizione o è umanizzante o non è.

A ragionare sulla questione sono stati chiamati due operatori scolastici –Gaetano Tortorella e Rita Scocchera- che della scuola si occupano non solo teoricamente, ma anche praticamente, nel vivo della quotidianità educativa.

Gaetano Tortorella è insegnante di religione cattolica di scuola secondaria superiore, e docente di teologia morale all’Istituto superiore marchigiano di scienze religiose di Ancona; è stato anche segretario generale del Polo teologico marchigiano della Facoltà di teologia della Pontificia Università Lateranense, e segretario di redazione della rivista “Sacramentaria e scienze religiose”, dove ha pure pubblicato alcuni saggi, dedicati specialmente alla morale familiare. Rita Scocchera, è stata docente di scuola secondaria superiore, è dirigente tecnico del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio scolastico regionale per le Marche; è membro del consiglio direttivo e del comitato tecnico-scientifico dell’Opera nazionale Montessori.

Ha partecipato e collaborato a convegni montessoriani. E’ autrice di saggi sul pensiero e il metodo montessoriani, pubblicati sulla rivista “Vita dell’infanzia”, del cui comitato editoriale fa parte. L’incontro, che si svolgerà dalle ore 17,45 alle ore 19,15, sarà presieduto da mons. Angelo Scola, arcivescovo metropolita di Ancona Osimo, e coordinato da Marino Cesaroni, direttore di “Presenza”. L’ingresso è libero.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2019 alle 06:22 sul giornale del 30 maggio 2019 - 458 letture