utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Associazione “Abitiamo il Bene comune” di Castelfidardo: venerdì 3 maggio incontro con lo scrittore Giulio Cavalli

2' di lettura
473

Si arricchisce di ulteriori appuntamenti di qualità la proposta culturale dell’associazione “Abitiamo il Bene comune” di Castelfidardo. Grazie alla collaborazione con il Festival letterario “Macerata racconta” e con la libreria Aleph, si terrà nel prossimo fine settimana un’intensa due giorni letteraria che ospiterà scrittori di grande caratura, tra i più rilevanti della scena contemporanea.

Ad aprire il weekend sarà, venerdì 3 maggio alle ore 21.15, Giulio Cavalli. Il pomeriggio successivo, alle ore 18.00, sarà la volta della vincitrice del Premio Campiello 2018, Rosella Postorino.

Entrambi gli incontri si svolgeranno presso la Libreria Aleph. Cavalli, scrittore, giornalista, attore e regista teatrale presenterà il suo romanzo distopico “Carnaio” (Fandango libri, 2018). Un romanzo duro e crudele, le cui vicende prendono avvio da un fatto capitato a Giovanni Ventimiglia, un pescatore che vive in un paesino di mare come tanti e che, un giorno, “attraccando al pontile trova un cadavere, un uomo che in ammollo dev’essere stato per giorni, un ragazzo non di quelle parti, forse dell’Est o del Sud, uno di colore comunque”, come recita la quarta di copertina. Questo episodio avrà enormi ripercussioni non solo sulla vita del pescatore, ma anche su quella di tutta la comunità in cui vive.

L’opera della quale si discuterà il giorno successivo con Rosella Postorino sarà il romanzo storico “Le assaggiatrici” (Feltrinelli, 2018). In questo caso la protagonista e voce narrante è Rosa Sauer, selezionata nel 1943 per assaggiare i cibi destinati al Führer a Gross-Partsch, nei pressi di un quartier generale di Hitler.

Un romanzo molto originale, liberamente ispirato all’esperienza di Margot Wölk, in cui la grande Storia fa da sfondo alle vicende di una giovane donna che attraversa una fase cruciale della sua vita, tra paure, dubbi, esperienze inaspettate e sconvolgenti.

Storie apparentemente lontane dal nostro tempo, apparentemente lontane dalla nostra quotidianità, ma che, come sempre accade con la letteratura, aiutano a riflettere sul presente e sulla complessità della natura umana





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-04-2019 alle 12:44 sul giornale del 30 aprile 2019 - 473 letture