utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
articolo

“La signora dei sassi" all'UNITRE

2' di lettura
919

“Un dolore immenso, può portare a una tangibile serenità e al riconoscimento della propria identità” Con queste le parole Loriana Tittarelli,sabato 6 aprile,ha iniziato la sua relazione nell’Aula Santa Rosa dell’Unitre,dopo la presentazione della Presidente Antonietta Mattioli.

Sconvolta dalla morte del marito nel 2004,Loriana, ha iniziato a camminare da sola sulle spiagge del Conero ed è così che ,durante una camminata sulle rive del mare,ha incontrato un signore che metteva dei sassi in equilibrio e si è invaghita di questa arte.

Lo “Stone Balance” è una disciplina mentale che ,nella ricerca dei punti di equilibrio delle pietre,raggiunge un’armonia esteriore,riflesso di un equilibrio interiore. Il giorno dopo è ritornata ed ha provato a costruire queste sculture suggestive,e da quel giorno ha continuato,frequentando dei Corsi,impratichendosi delle tecniche più appropriate,andando tutti i giorni al mare,e immergendosi nelle acque marine.

”Perché ha scelto proprio questa arte ?”-le è stato domandato-“Perché il Conero ha preso nel mio cuore il posto di chi non c’è più, perché il silenzio e l’energia del mare mi ha salvata,ed ogni volta che riesco a trovare il punto d’incontro di una pietra su l’altra,mi sento in armonia con la natura ,provando una grande emozione”La signora dei sassi,così è conosciuta,ha continuato a raccontarsi,servendosi di magnifiche fotografie ,che testimoniano la sua creatività e la sua passione.

Oltre i suoi appuntamenti con le spiagge del Conero,dal 2012 è portavoce di questa arte che ha seguaci in tutto il mondo, partecipa a trasmissioni televisive e fa dimostrazioni anche nelle scuole.

”Bilanciatori” si chiamano gli artisti di questo tipo e vedendo le performances della Tittarelli e la serenità che ha acquisito,ogni intervenuto a questo interessante incontro dell’Unitre, ha sentito il desiderio di andare in spiaggia ,mettere una pietra sopra l’altra per riuscire a fare un viaggio nel proprio mondo interiore,liberandosi così delle pietre che induriscono il cuore.





Questo è un articolo pubblicato il 18-04-2019 alle 16:31 sul giornale del 18 aprile 2019 - 919 letture